FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, ferisce un militare e poi urla "Allah akbar": arrestato per attentato terroristico

Lʼuomo, uno yemenita irregolare in Italia, ha detto di aver sperato "di morire dopo lʼattentato"

Un soldato di 34 anni è stato ferito alla gola e alla schiena con due colpi di forbici davanti alla stazione Centrale di Milano. L'aggressore, il 23enne yemenita Mahamad Fathe, irregolare in Italia, è stato fermato poco dopo dai carabinieri. Mentre veniva bloccato ha urlato "Allah akbar". L'uomo, che ha dichiarato di aver "sperato di morire dopo l'aggressione" è stato arrestato per attentato terroristico.

Lo straniero ha sorpreso il soldato alla spalle colpendolo alla gola e alla schiena e provandogli ferite lievi. In quella fase non ha detto niente. Poi, mentre veniva disarmato, ha urlato "Allah akbar". Nel corso dell'interrogatorio, iniziato nel tardo pomeriggio davanti al pm Nobili e ai carabinieri dopo l'arresto di martedì mattina, l'uomo ha confessato spiegando a verbale che la sua intenzione, con quel gesto, era quella di venire ucciso dalle forze dell'ordine, perché desiderava "morire e andare nel paradiso di Allah".

Agli investigatori e agli inquirenti, che seguono l'indagine, l'aggressione di Mahamad Fathe appare come una "azione solitaria". L'uomo, a cui è stato contestato anche l'attentato con finalità terroristiche per aver gridato "Allah akbar" quando è stato bloccato, al momento non sembra avere legami con cellule terroristiche, anche se gli accertamenti sul punto vanno avanti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali