FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, ago dimenticato nellʼaddome: donna risarcita 56 anni dopo operazione

La paziente, oggi 78enne, ha ottenuto un indennizzo di 200mila euro. Allʼepoca i medici non dissero nulla sulla vicenda

Una donna milanese di 78 anni è stata risarcita di 200mila euro per un'operazione chirurgica a cui era stata sottoposta nel 1962. Alla paziente è stato quindi riconosciuto un danno 56 anni dopo l'intervento. Il motivo? All'interno dell'addome dell'anziana, all'epoca 22enne era stato dimenticato un ago da sutura; nessuno aveva ammesso l'errore, nonostante sulla cartella clinica (recuperata nel corso della battaglia giudiziaria) vi fosse un chiaro riferimento alla dimenticanza.

Come riportato dal Corriere della Sera, la donna per quasi quarant'anni ha sofferto di dolori addominali, sotto forma di fitte improvvise. Nonostante la presenza dell'ago, la signora ha comunque dato alla luce due figli, senza complicazioni. La verità è emersa solo nel 2000, in seguito ad una lastra all'addome, con la quale è stato individuato il corpo estraneo.

Da quel momento è partito il lungo iter giudiziario conclusosi solo ora, dopo diversi cambiamenti burocratici e amministrativi, con l'indennizzo di 200mila euro. Evitata infatti la prescrizione, visto che i giudici hanno riconosciuto che la causa poteva decorrere proprio dal 2000.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali