FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, 93enne uccide la moglie 90enne in un raptus di rabbia: "Voleva chiudermi allʼospizio per tradirmi"

Uccisa con un poggiapiedi della sedia a rotelle. Lʼuomo è affetto da demenza senile

Milano, 93enne uccide la moglie 90enne in un raptus di rabbia: "Voleva chiudermi all'ospizio per tradirmi"

Ha staccato il poggiapiedi dalla sua sedia a rotelle e con quello ha colpito la moglie fino a ucciderla. E' accaduto domenica pomeriggio all'interno di un appartamento a Sesto San Giovanni (Milano). L'uomo, di 93 anni, colto da un violento raptus, è stato arrestato dai carabinieri. A trovare il corpo senza vita della donna è stato il figlio durante la quotidiana visita agli anziani genitori.

L'uxoricida ha poi confessato tutto ai carabinieri: ha ucciso la moglie per gelosia e perché lei lo voleva ricoverare in una struttura assistenziale. Vasco Bimbatti, questo il nome del 93enne, ha colpito mortalmente la moglie Luciana Bonzanini, 90 anni, con il poggiapiedi della sedia a rotelle nel loro appartamento di Sesto San Giovanni (Milano).

Bimbatti ha ammesso agli inquirenti le proprie responsabilità, spiegando di aver litigato con la moglie che gli aveva appena comunicato di essere prossima ad accompagnarlo in una struttura. Bimbatti ha spiegato di essere convinto che la moglie potesse così riallacciare una relazione extraconiugale. Il 93enne, affetto da demenza senile, ha spiegato ai carabinieri di Sesto San Giovanni di aver chiesto alla coniuge di aiutarlo a coricarsi sul letto e, approfittando di un suo attimo di distrazione, di averla colpita al volto e alla testa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali