FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Marcello Dell'Utri da martedì è libero: ha scontato la pena

Lʼex senatore, entrato in carcere nel 2014, era stato condannato a sette anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Eʼ passato ai domiciliari nel 2018 per motivi di salute

marcello dell'utri

Da martedì Marcello Dell'Utri sarà di nuovo un uomo libero. L'ex senatore di FI, condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa, ha infatti finito di scontare la propria pena. Dell'Utri entrò in carcere nel 2014, dopo un breve fuga in Libano tentata alla vigilia della pronuncia della Cassazione che ha poi reso definitiva la condanna e l'estradizione in Italia. L'ex senatore era agli arresti domiciliari dal 2018 per motivi di salute.

Dell'Utri è stato detenuto in regime di alta sicurezza nel carcere di Parma, poi a Rebibbia. Infine, è passato ai domiciliari per ragioni di salute e ha goduto della liberazione anticipata prevista dalla legge.

 

Le vicende giudiziarie dell'ex manager di Publitalia, però, non si sono ancora concluse: è imputato al processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. In primo grado ha avuto inflitti dodici anni, l'appello è in corso. L'ex senatore è sotto processo anche a Napoli e Milano per la sottrazione di centinaia di libri antichi.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali