FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gli 007 libici: nel covo Isis a Sirte trovati i nomi di jihadisti nascosti nel Milanese

Tra le carte sequestrate anche piani dʼattacco. la Libia pronta a consegnare la documentazione alle autorità italiane

Gli 007 libici: nel covo Isis a Sirte trovati i nomi di jihadisti nascosti nel Milanese

Nel covo dell'Isis a Sirte gli uomini dei servizi segreti libici avrebbero trovato nomi e piani d'attacco di militanti jihadisti attivi nel Milanese. Tra questi, anche Abu Nasim, che viveva in Lombardia ed è considerato vicino ai rapitori dei tecnici della Bonatti sequestrati lo scorso anno vicino a Tripoli. I libici si sono detti pronti a consegnare i nomi alle forze dell'ordine italiane.

Secondo le fonti libiche citate dal Corriere della Sera, "decine, se non centinaia di militanti" dell'Isis sarebbero partiti dalla Libia alla volta dell'Europa, facendo tappa in Italia, infiltrati tra le masse di disperati a bordo dei barconi del traffico illegale di migranti. A Sirte i servizi segreti libici hanno trovato appunti, taccuini scritti a mano, fogli volanti, che ora si sta cercando di decifrare e mettere insieme, e che potrebbero contenere la prova che le minacce dell'Isis di "approdare a Roma" non siano solo propaganda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali