FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Garza nellʼaddome dopo il parto, processo da 33 anni: suo figlio il legale

Una lotta iniziata nel 1985, 10 mesi dopo il cesareo Nunzia Coppola Lodi è stata ricoverata: prima la paura di un tumore, fino alla scoperta dellʼerrore dellʼospedale di Bergamo

Sono passati 33 anni da quando Nunzia Coppola Lodi, 64 anni, dopo il parto cesareo, a dieci mesi dalla nascita del figlio Andrea, fu nuovamente ricoverata presso l'ospedale di Bergamo. Prima la paura di un tumore, poi la scoperta che ittero e crampi erano stati la conseguenza di un errore fatto dall'equipe medica, che si era dimenticata una garza nel suo addome. Da allora, anno 1985, Nunzia lotta ancora per il risarcimento.

Prima era il padre avvocato a seguirla, poi è stata lei stessa a prendere il posto del padre e ora lo fa con il figlio, che in trentatré anni ha avuto modo di laurearsi e prendere l'abilitazione. "Ho pensato di mollare tutto, ma sono andata avanti anche per le persone che, a differenza mia, non sono avvocati e probabilmente avrebbero accettato l'offerta iniziale. Non è giusto. Se si sbaglia, si deve chiedere scusa e andare incontro alla persona che ha subito l'errore", ha affermato al Corriere della Sera.

Inizialmente l'ospedale che aveva ammesso l'errore aveva offerto una somma di 40 milioni di lire, ma Nunzia si rifiutò. Come scrive il quotidiano meneghino "nel '98 i giudici d'appello di Brescia decisero al rialzo: 98.241.910 di lire. L'assicurazione pagò. Ma in Cassazione, nel 2001, la sentenza fu annullata: il presidente non l'aveva firmata. Se ne occupò un'altra sezione d’Appello". La causa è quindi proseguita a colpi di ricorsi fino ad arrivare ai giorni nostri senza ancora un finale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali