FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fabrizio Corona può tornare a casa Lascia la comunità di don Mazzi

Il tribunale di Sorveglianza di Milano ha disposto lʼaffidamento ai servizi sociali sul territorio. Ai giudici aveva detto: "Sono cambiato"

Fabrizio Corona può tornare a casa Lascia la comunità di don Mazzi

Fabrizio Corona può ritornare a casa. Ha infatti ottenuto l'affidamento ai servizi sociali sul territorio e questo significa che gli sarà concesso di lasciare la comunità di don Mazzi, Exodus, nella sede staccata di Gallarate (Varese), per ritornare al suo domicilio. A prendere la decisione sul futuro dell'ex fotografo è stato il Tribunale di Sorveglianza di Milano.

Ai giudici: "Sono cambiato" - Durante l'udienza per decidere sulla conferma o meno dell'affidamento ai servizi sociali, tenutasi giovedì davanti a un collegio di giudici della Sorveglianza, l'ex fotografo dei vip aveva ribadito più volte di essere cambiato e aveva esplicitamente chiesto un'opportunità "per dimostrarlo".

I giudici, stando a quanto riferito dai legali, hanno quindi confermato l'affidamento, permettendo che si svolga "sul territorio". In altre parole, Corona non dovrà più stare nella comunità, ma potrà tornare a casa. Dovrà però seguire una serie di disposizioni relative all'affidamento in prova.

Corona non potrà diffondere foto, né usare i social - Fabrizio Corona non potrà diffondere fotografie, né utilizzare i social network come Facebook e Twitter, né rilasciare interviste. Sono queste alcune delle prescrizioni contenute nel provvedimento del giudice estensore Giovanna Di Rosa. "Ce l'abbiamo fatta, sono contentissimo, ringrazio voi avvocati e i giudici", ha detto Corona ai suoi legali.

L'uscita dal carcere e don Mazzi -
A giugno, dopo circa due anni e mezzo di detenzione, Corona era uscito dal carcere ottenendo l'affidamento in prova ai servizi sociali nella comunità "Exodus" di don Mazzi. In quel caso, il giudice Giovanna Di Rosa aveva concesso l'affidamento per una serie di ragioni, tra cui l'assenza di pericolosità sociale e il passato di tossicodipendenza dell'ex agente fotografico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali