FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

> Tgcom24 > Cronaca > Lombardia > Processo Mediaset, confermata condanna a quattro anni per Silvio Berlusconi
8.5.2013

Processo Mediaset, confermata condanna a quattro anni per Silvio Berlusconi

Milano, i giudici di Appello lo condannano a 4 anni di carcere (3 coperti da indulto) e 5 di interdizione dai pubblici uffici. Ghedini: "La stabilità del governo non è a rischio"

foto Ansa
21:37 - I giudici della Corte d'Appello di Milano hanno confermato la condanna di Silvio Berlusconi nell'ambito del processo per frode fiscale sui diritti tv Mediaset. In primo grado il leader Pdl era stato condannato a quattro anni di reclusione e a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici, mentre il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, era stato assolto per non aver commesso il fatto.
I giudici della seconda Corte d'Appello di Milano, nel confermare la sentenza di primo grado del processo Mediaset, hanno assolto il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri e altre due persone. Confermata anche la condanna a tre anni di reclusione per il produttore statunitense Frank Agrama. Confermata anche la provvisionale di 10 milioni di euro a favore dell'Agenzia delle Entrate che dovra' versare Silvio Berlusconi in solido con le altre tre persone condannate.

Ghedini: Procura Milano prevenuta - ''La forza della prevenzione è andata al di la' della forza dei fatti''. Così l'avvocato Niccolo' Ghedini, legale di Silvio Berlusconi, ha commentato la conferma in appello della condanna. ''Avevamo la consapevolezza che sarebbe andata così", ha aggiunto Ghedini.

Ghedini: "Il governo non è a rischio" - "Non mi interesso della stabilità politica del governo e non credo che ci sia una correlazione tra questa sentenza e la stabilità politica". Così ha risposto Ghedini ai cronisti che gli chiedevano se la conferma della condanna per Berlusconi nel processo Mediaset possa avere effetti sulla stabilità dell'esecutivo Letta.

La Consulta potrebbe azzerare il processo - Dei quattro anni di condanna, tre sono coperti da indulto. Sul procedimento pende la pronuncia della Corte Costituzionale, attesa entro la fine di giugno, sul conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato sollevato da Palazzo Chigi in relazione a un legittimo impedimento a prender parte a una udienza del 1 marzo 2010 che fu negato a Berlusconi. Se la Consulta dovesse dar ragione alla presidenza del Consiglio, il processo dovrebbe tornare a quella udienza del 2010, in primo grado, e i reati oggetto del procedimento andrebbero prescritti.

Lombardi (M5S): "Accelerare ineleggibilità Berlusconi" - "Dopo la sentenza Mediaset è opportuno che si acceleri nella formazione della giunta per le elezioni del Senato. Poi si dovrà intervenire sull'ineleggibilità di Silvio Berlusconi". Lo ha detto Roberta Lombardi, capogruppo M5S alla Camera, in merito alla condanna del leader del Pdl in appello al processo Mediaset. "C'è una legge del '57 che viene disattesa e ora c'è questa sentenza, anche se si sicuramente ci sarà ricorso alla Cassazione".
OkNotizie
 
Le notizie del giorno
 
 
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile
Servizi Tgcom Traffico Oroscopo Mobile