FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Livorno, 91enne lasciato 26 ore su una barella del pronto soccorso

La denuncia del figlio: “La sanità, durante quella giornata, ha tolto la dignità a mio padre”

Livorno, 91enne lasciato 26 ore su una barella del pronto soccorso

Ventisei ore su una barella del pronto soccorso, in attesa di essere ricoverato. Dalle 15.45 del sabato alle 18 del giorno successivo. È quanto accaduto a Livorno. Vittima di questo ennesimo caso di malasanità è il 91enne Fosco Orsini. All’anziano - arrivato al pronto soccorso in ambulanza - era stato assegnato un codice giallo. Una situazione di media gravità, dunque. La denuncia arriva proprio dal figlio dell’uomo: “La sanità, durante quella giornata, ha tolto la dignità a mio padre”, ha dichiarato. Lo riporta Il Tirreno.

L’anziano ha un quadro clinico molto complesso che, circa un mese fa, si è aggravato in seguito a una caduta in casa. Per questo il figlio Marco, dopo che nell’anziano sono comparsi nuovamente problemi respiratori, ha chiamato immediatamente l’ambulanza. “Tutto è iniziato intorno alle 15 di sabato 14 ottobre - ha raccontato il ragazzo al Tirreno - Abbiamo chiamato l’ambulanza e poco dopo sono arrivati i soccorsi”. Poi l’incubo. Data la diagnosi (scompenso cardiaco congestizio e bronchite acuta in paziente da fibrillazione atriale permanente in portatore di pacemaker, ematoma subdurale post traumatico da recente trauma cranico), i familiari si aspettavano che il loro caro venisse ricoverato subito dopo gli accertamenti. E, invece, da quel momento sono passate 26 ore.

“Le mie richieste sono state incessanti. Poco dopo la mezzanotte quando mi è stato risposto per l’ennesima volta che non c’era un posto letto, ho perso anche la pazienza, devo essere sincero: mi si è chiusa la vena - ha raccontato Marco - E di questo mi scuso, sia con il medico che era di turno che con gli infermieri. Anche perché è il sistema sanitario che sta implodendo, altro che snello e funzionale. Durante la notte che ho trascorso in pronto soccorso ho visto altre persone lasciate per ore su un barella. E soprattutto mi sono reso conto di come bastino tre codici rossi in contemporanea per mandare in tilt il sistema”.

“L’amarezza che mi è rimasta - ha concluso il ragazzo - è grandissima. Soprattutto perché in quelle ventisei ore ho avuto la certezza di come un cittadino che paga le tasse venga trattato con poca dignità”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali