FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Savona, una 18enne si dà fuoco in un parcheggio | Il padre si suicidò nello stesso modo cinque anni fa

La giovane è sopravvissuta ma ha riportato gravi ustioni sul corpo

Savona, una 18enne si dà fuoco in un parcheggio | Il padre si suicidò nello stesso modo cinque anni fa

Una ragazza di 18 anni si è data fuoco in un piazzale adibito a parcheggio a Vado Ligure (Savona). Soccorsa dal personale del 118 e dai vigili del fuoco, è sopravvissuta riportando però gravi ustioni sul corpo. La ragazza è ricoverata all'ospedale San Martino di Genova. Ancora da chiarire le ragioni del gesto con il quale la ragazza ha emulato il padre: nel 2013 l'uomo, un artigiano di 47 anni, si tolse la vita nello stesso modo e nello stesso piazzale.

Allora il dramma fu causato da gravi motivi di salute e da problemi economici: l'uomo, infatti, era il piccolo imprenditore che nel febbraio 2013, subito dopo le elezioni, si presentò a casa di Beppe Grillo e, ripreso dalle telecamere di tutti i media nazionali, suonò al citofono per chiedere aiuto al leader del MoVimento 5 Stelle.

Il padre intervistato da News Mediaset prima della tragica fineMauro Sari, il padre della giovane che ha tentato di suicidarsi, era stato intervistato da News Mediaset poco prima della sua tragica fine. In gravi difficoltà finanziarie il piccolo imprenditore, titolare di una ditta individuale, spinto dalla disperazione, aveva deciso di chiedere aiuto a Beppe Grillo. Si era presentato sotto le finestre di casa del fondatore del M5s per incontrarlo e, davanti alle telecamere, aveva spiegato come la crisi lo avesse ridotto sul lastrico.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali