FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terremoto, la famiglia distrutta dal crollo del campanile restaurato

I Tuccio, moglie, marito e due bimbi, sono stati uccisi nel sonno dalla struttura della chiesa che era stata sistemata con i fondi del sisma de LʼAquila e che è finita sul loro tetto

E' finora tra le vittime più piccole del terremoto che ha devastato il Centro Italia: Riccardo, 8 mesi, è stato ritrovato senza vita nel lettone dei genitori, Andrea, 35 anni, e Graziella, 32. Anche loro non ci sono più. Come non cìè più suo fratello Stefano, 7 anni, che dormiva nella sua cameretta. Una famiglia normale, come tante, che viveva ad Accumoli, fino alle 3.36 di quella maledetta notte che l'ha spazzata via in una manciata di secondi. Su loro quattro, infatti, sorprendendoli nel sonno, è caduto il campanile della chiesa, che era stato restaurato di recente con i fondi del sisma aquilano. E non ha lasciato loro scampo.

L'accusa dei familiariAd Accumoli ora resta solo lo strazio di parenti e amici, che stentano ancora a credere a questa crudele fatalità. "La loro casa e il loro solaio avrebbe retto alla scossa - non fanno che ripetere. - Sono morti per quel campanile".

La difesa del sindacoAll'accusa lanciata dai familiari della giovane coppia, risponde il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci. "Non c'è stata imperizia" nel restauro del campanile nella chiesa che è crollato per il sisma sterminando la famiglia Tuccio. E' fermo su questa posizione il primo cittadino, che risponde alle domande dei giornalisti. "La morte di una famiglia intera è un dramma, i figli erano cresciuti con i miei - ha detto commosso -, ma non strumentalizziamo. Un campanile di otto metri anche restaurato da poco con il terremoto è lecito che crolli. Non abbiamo fatto noi i lavori, ma non c'è stata imperizia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali