FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Soldi e diamanti in cambio di favori: arrestati due pm per corruzione

Secondo la Procura di Lecce, gli imprenditori pagavano per i favori ricevuti e gli avvocati svolgevano il ruolo di intermediari e facilitatori

Soldi e diamanti in cambio di favori: arrestati due pm per corruzione

Ricevevano soldi e diamanti in cambio di sentenze a favore di imprenditori sotto processo. Per questo la Procura ha disposto l'arresto nei confronti di due ex magistrati di Trani, Antonio Savasta e Michele Nardi, ora in servizio al Tribunale di Roma. Le accuse sono di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari e falso per fatti commessi tra il 2014 e il 2018 quando erano in servizio in Puglia.

Gli imprenditori, avrebbe accertato la Procura di Lecce, pagavano per i favori ricevuti e gli avvocati avrebbero svolto il ruolo di intermediari e facilitatori. L'ispettore di polizia arrestato, Vincenzo Di Chiaro, si sarebbe invece messo "al servizio dell'imprenditore coratino D'Introno (tra gli indagati, ndr) - a quanto viene riferito - quale momento indispensabile di collegamento con il magistrato Savasta per il complessivo inquinamento dell'attività investigativa e processuale da quest'ultimo posta in essere".

Savasta incontrò a Palazzo Chigi l'allora sottosegretario Lotti - Dalle carte emerge che per far ottenere un incarico a Roma al magistrato tranese Antonio Savasta, all'epoca dei fatti sottoposto a diversi procedimenti penali e alla richiesta di trasferimento d'ufficio, l'imprenditore fiorentino Luigi D'Agostino gli procurò un incontro a Palazzo Chigi con l'allora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Luca Lotti. Questo incontro, che Savasta sollecitò a D'Agostino tramite l'avvocato Ruggiero Sfrecola, avvenne il 17 giugno 2015.

All'epoca Savasta indagava su D'Agostino per un giro di presunte fatture false. Per questo fatto, Savasta, Sfrecola e D'Agostino sono indagati per corruzione in atti giudiziari. Tutti e tre parteciparono all'incontro con Lotti. D'Agostino - come emerso da un'inchiesta della procura di Firenze - era in rapporti d'affari con Tiziano Renzi, padre dell'ex premier Matteo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali