FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Severino Antinori torna ai domiciliari, il giudice: "Ha violato lʼobbligo di dimora"

Il 5 e lʼ8 settembre il ginecologo, imputato per un presunto prelievo forzato di ovuli a una giovane infermiera, è stato sorpreso senza permesso a Roma

Severino Antinori torna ai domiciliari, il giudice: "Ha violato l'obbligo di dimora"

Severino Antinori, imputato per un presunto prelievo forzato di ovuli a una giovane infermiera spagnola, si è visto aggravare la misura cautelare: è tornato agli arresti domiciliari nella sua casa a Sabaudia, sulla costa laziale, per aver violato due volte in tre giorni l'obbligo di dimora. Antinori è stato sorpreso dalla finanza a Roma e dalla figlia. Lo ha deciso, su richiesta del pm, il tribunale di Milano.

La decisione è stata presa dal giudice dell'ottava sezione penale di Milano Luisa Ponti davanti alla quale si aprirà il processo per il ginecologo. Antinori, che dal 19 luglio aveva l'obbligo di dimora a Sabaudia, si sarebbe recato a Roma senza permesso il 5 e l'8 settembre.

La prima volta lo hanno sorpreso gli uomini delle Fiamme Gialle nel corso di un controllo, mentre la seconda volta è stata la figlia che lo ha incontrato nella clinica romana del ginecologo e ha avvisato l'autorità giudiziaria. Sabato il Tribunale, su richiesta del pm Ripamonti, ha dunque deciso di aggravare la misura cautelare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali