FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, single diventa mamma a 62 anni: "Mi basta portare mia figlia ai 18 anni"

La fecondazione con embriodonazione, vietata in Italia sia per la tecnica usata sia per i limiti di età, è stata eseguita in Albania. La piccola sta bene

Rimasta incinta grazie alla fecondazione in vitro, ha partorito mercoledì all'ospedale San Giovanni di Roma una bambina di 3 chili e 200 grammi perfettamente in salute. Nulla di strano, se non fosse che la neomamma è una donna single 62enne, e che per l'impianto dell'embrione si è rivolta a una struttura albanese: non solo perché in Italia questa pratica è vietata, ma anche perché la donna ha superato i limiti di età previsti nel nostro Paese.

La donna, di professione infermiera, ha infatti fatto ricorso all'embriodonazione: ha cioè "adottato" l'embrione soprannumerario (vale a dire prodotto ma non impiantato) di una coppia che si era precedentemente sottoposta a tecniche di procreazione medicalmente assistita. Si tratta di una pratica che non è consentita nel nostro Paese ma che invece viene utilizzata in altre nazioni europee come ad esempio la Spagna o l'Albania.

Altro paletto per la 62enne era l'età: sebbene infatti la legge 40 del 2004 sulla procreazione assistita non fissi limiti precisi (parlando genericamente di un divieto dopo la menopausa), specifica però che le regioni possono farlo. E nel Lazio l'età limite è di 43 anni per le strutture pubbliche e 50 per quelle private. Ma anche se avesse avuto 12 anni in meno, la neomamma, essendo single, non avrebbe comunque potuto accedere alla procreazione assistita perché la legge la preclude a chi non è in coppia.

Al Messaggero, la donna racconta di aver "aspettato per anni l'uomo giusto, poi mi sono decisa" a diventare mamma comunque. E spiega che per diventare madre "non esiste l'età giusta, la vita si è allungata, ci sono più opportunità". E di fronte alla prospettiva di diventare una mamma-nonna, di morire quando la figlia è ancora giovane, taglia corto: "A me basta che questa bimba arrivi con me ai 18 anni, poi potrà camminare da sola. Perché i figli devono essere indipendenti".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali