FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, gogna online per chi offende i vigili urbani: imposto un video di scuse

A chi è accusato di oltraggio le indicazioni per registrare il filmato e pubblicarlo sul web. Ma una donna non ci sta e scattano le indagini

Non bastano il risarcimento pecuniario e la lettera di scuse. A Roma, chi viene denunciato per oltraggio dai vigili urbani, deve accettare la gogna 2.0 e pubblicare online un video di scuse. A portare alla luce quanto accade nella Capitale è stata un'insegnante 32enne che, dopo aver reagito con qualche parola di troppo a una multa, si è vista recapitare dai vigili una lettera con la richiesta del video.

"Per quanto riguarda il danno provocato con l'oltraggio alla Polizia locale di Roma Capitale - si legge nella raccomandata riportata da Repubblica - ai fini della riparazione è necessario che l'indagata pubblichi un video di scuse, attenendosi al rispetto delle indicazioni sotto riportate". Indicazioni che in realtà sono regole ferree. Il video deve essere realizzato e diffuso con mezzi propri dall'indagato, deve restare online almeno due settimane e deve essere pubblicato "su una piattaforma di condivisione video, senza restrizioni per l'accesso e di ampia diffusione".

Basta il proprio profilo Facebook? Assolutamente no. Nella lettera si citano, come esempi, "YouTube, Megavideo, My Space, Google Video" e si dice chiaramente che "Facebook, Twitter e Google+ sono incompatibili con la natura pubblica delle scuse", perché il video sarebbe "nell'ambito di un numero ristretto di soggetti collegati tra loro". Le "linee guida" sono relative anche al contenuto del filmato, che deve durare almeno 30 secondi. Le immagini devono riprendere chiaramente il volto del denunciato, che dovrà recitare un testo precompilato: "Io sottoscritto ... con riferimento al procedimento penale a mio carico per oltraggio a pubblico ufficiale n. ..., esprimo profondo rincrescimento per il comportamento tenuto nelle vicende per le quali sono indagato". Poi le "più sentite scuse per le frasi proferite nell'occasione" e "l'apprezzamento per il lavoro quotidianamente svolto" dalla polizia locale a favore della cittadinanza.

Dopo aver ricevuto la lettera, firmata dal vicecomandante del Corpo, Massimo Ancillotti, l'insegnante e il suo avvocato si sono rivolti alla procura per chiedere che si "valuti se esistano profili penali di estorsione da parte del Corpo".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali