FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Reporter aggredito, Roberto Spada non va in carcere: ecco il perché

La vittima ha denunciato tardi il pestaggio e la prognosi è di "soli" 20 giorni. Il giornalista: "Non è un naso rotto che ci fermerà"

Dopo la brutale aggressione subita dal reporter Rai Daniele Piervincenzi ad opera di Roberto Spada sono in molti a domandarsi perché quest'ultimo sia ancora a piede libero. La risposta è alquanto articolata ma è tutto nel pieno rispetto delle leggi. L'aver denunciato il fatto solo mercoledì, cioè un giorno dopo il pestaggio, ha fatto cadere la flagranza. E il reato di cui Spada è accusato è lesioni e non lesioni aggravate, quindi niente arresto.


La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sull'episodio e i carabinieri hanno già acquisito le certificazioni mediche del reporter Rai e del suo cameraman. Di sicuro mancano i presupposti previsti dal codice penale per l'arresto obbligatorio. Non c'è flagranza di reato e la denuncia è arrivata oltre le 24 ore. I medici, poi, hanno emesso una prognosi di 20 giorni che configura quindi il reato di lesioni e non lesioni gravissime (reato per cui è previsto il fermo).

Né arresto né altre misure restrittive visto che il reato prevede una pena massima di tre anni. Quindi, anche se si tratta di pregiudicati, il processo si svolgerà davanti al giudice di pace. C'è però l'ipotesi dell'arresto facoltativo previsto dal codice quando la "gravità del fatto o la pericolosità sociale dell'individuo" lo consentono. Il fatto che sia la Direzione Distrettuale Antimafia ad indagare potrebbe far presagire per Spada un esito diverso da quello delle ultime ore. Gli inquirenti stanno infatti valutando se il fatto sia avvenuto all'interno di un contesto mafioso. Tra le ipotesi, dunque, non si tralascia il fatto che l'aggressione sia avvenuta a Ostia, terra di clan, e all'interno di eventuali modalità criminali.

#iostoconspada, su Facebook i sostenitori dellʼaggressore

Una testata in piena faccia, poi bastonate e calci contro il giornalista Daniele Piervincenzi, reporter Rai di "Nemo". Per lui naso rotto. per Roberto Spada, fino ad oggi incensurato, una denuncia. Lui si è difeso su Facebook con un post, poi rimosso, in cui diceva: "Negli ultimi 10 giorni sono venuti almeno 30 giornalisti a 'scoglionare'...,la pazienza ha un limite". La pagina è stata poi subissata di commenti di condanna, ma anche da messaggi di solidarietà.

leggi tutto

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali