FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ossa in Nunziatura, non appartengono a Emanuela Orlandi | "Hanno più di 50 anni e sono di un uomo"

Dai dati preliminari, su radio destro e una parte di calotta cranica, emerge "un contenuto di carbonio 14 precedente al 1964". Pietro Orlandi: "Attendiamo il Dna"

Le ossa umane trovate in una dependance della Nunziatura Apostolica a Roma hanno una datazione antecedente al 1964 e sono riconducibili allo scheletro di un uomo. E' quanto hanno rivelato le prime analisi fatte sui resti, svolte nei laboratori della scientifica di Caserta dagli esperti nominati della Procura di Roma. Non vi è quindi nessun nesso con i casi di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori, le due giovani scomparse nella Capitale nel 1983.

Dai dati preliminari, su radio destro e una parte di calotta cranica, emerge infatti "un contenuto di carbonio 14 riconducibile a età calendariale precedente al 1964". Per ora, gli inquirenti non si sbilanciano ulteriormente, ma la prossima settimana proseguiranno le analisi sui resti di collagene trovati su un molare e una vertebra per provare a raggiungere una datazione più precisa che potrebbe essere riferita anche a decenni precedenti al 1964.

Da ulteriori accertamenti svolti dalla polizia scientifica su un femore è stato anche definito che si era in presenza di un uomo, per il cromosoma Y, quantità di alleli, ed elementi provenienti dal pochissimo materiale morbido che èstato possibile analizzare.

A fine ottobre la scoperta delle ossa - La scoperta delle ossa nelle sede della nunziatura del Vaticano di via Po a Roma risale alla fine di ottobre. La conferma del ritrovamento fu data la sera del 30 ottobre da una nota della sala stampa della Santa Sede. Le indagini, affidate dal Vaticano all'Italia, e in particolare alla procura di Roma e alla Polizia scientifica, sono state finalizzate fin dall'inizio a comparare le ossa con il dna di Emanuela Orlandi, la figlia quindicenne di un dipendente vaticano scomparsa il 22 giugno 1983 e di Mirella Gregori, ragazzina scomparsa nello stesso anno.

Pietro Orlandi: "Attendiamo la fine degli esami e il Dna" - "Da quanto mi risulta questi sono i primi esiti degli esami col metodo del carbonio 14: io vorrei aspettare la fine e poi vorrei avere il risultato dell'esame genetico con il Dna, che può dare la certezza sulla datazione". E' quanto afferma Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, dopo gli esiti comunicati dalla procura di Roma sulle ossa trovare in Nunziatura. "Vorrei anche capire - aggiunge - da cosa dipende questo spartiacque così netto del 1964. In ogni caso andrà chiarito perché c'erano quelle ossa pochi centimetri sotto il pavimento".

Sorella di Mirella Gregori: "Altre analisi da nostro genetista" - Maria Antonietta Gregori, sorella di Mirella, l'altra ragazza scomparsa nel 1983, ha commentato gli esiti comunicati dalla procura di Roma sulle ossa umane trovate in Nunziatura: "Aspettiamo gli esiti definitivi degli esami. Poi chiederemo un'analisi anche al nostro genetista che lavorerà probabilmente in parallelo con quello della famiglia Orlandi", ha detto. "In ogni caso spero che non si spengano i riflettori sulla scomparsa di Mirella", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali