FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Omicidio Sara, il testimone: "Litigavano e sono andato via, ma non sono un vigliacco"

Parla uno dei due ragazzi che sono passati in scooter per via della Magliana la notte del delitto: "Quello schifoso la deve pagare"

"Quello schifoso" di Vincenzo Paduano "la deve pagare e io non sono un vigliacco, non sono scappato". Lo ha detto il 18enne Edoardo Paraninfi, una delle ultime due persone ad aver visto Sara Di Pietrantonio prima che venisse uccisa dall'ex fidanzato all'alba di domenica a Roma. "Ho visto un ragazzo appoggiato al cofano di un'auto e una ragazza davanti a lui che gli urlava contro. Perché avrei dovuto chiamare la polizia?", ha aggiunto il giovane.

Come riporta il Corriere della Sera, lo scooterista che passò per la via della Magliana la notte del delitto si è presentato spontaneamente alla polizia. "Tornavo a casa dopo aver accompagnato un'amica e ho visto l'auto che bruciava, ma c'era una volante vicino - ha affermato Paraninfi -. Mi hanno interrogato, verificato la mia versione con le immagini delle telecamere e poi mi hanno rilasciato. Nessuno mi ha detto che sono un vigliacco".

Il rimorso: "Passato troppo prima e troppo dopo" - Poi il ragazzo ha parlato del "rimorso" di essere passato "troppo prima e poi troppo dopo". "Sara poteva essere mia sorella o mia cugina - ha proseguito -. Forse avrei potuto fare qualcosa. A quello (Vincenzo Paduano, ndr) devono dare l'ergastolo".

Fiori e messaggi sul luogo dove è morta Sara

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali