FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nassiriya, ex generale condannato a risarcire le vittime: ignorò gli allarmi

La sentenza della Corte dʼAppello del tribunale civile arriva a 13 anni dalla tragedia. I giudici: "Manifesta la stretta dipendenza tra il reato e la morte"

C'è una responsabilità precisa per la strage di Nassiriya del 2003, quando  un attentato alla base italiana Maestrale provocò la morte di 28 persone, 19 nostri connazionali e 9 iracheni. La Corte d'Appello di Roma, Prima sezione civile, ha condannato l'ex generale Bruno Stano, all'epoca comandante della missione, a risarcire le famiglie delle vittime perché sottovalutò il pericolo.

Le immagini del giorno della strage

"E' manifesta la stretta dipendenza tra il reato commesso e la morte e le lesioni riportate dalle vittime", si legge nella sentenza riportata dalla "Stampa". Fu colpa di Stano se soldati e carabinieri italiani il 12 novembre 2003, in quella base in Iraq, si trovarono in una situazione troppo rischiosa perché si insisteva troppo sul carattere di "missione umanitaria" dell'operazione.

Allarmi ignorati - Ma soprattutto, secondo i giudici, Stano ignorò gli allarmi dell'intelligence e non considerò in maniera adeguata che quella base era troppo esposta. Poco più di quindici giorni prima il Sismi aveva avvertito di un "attacco in preparazione al massimo entro due settimane", precisando anche che c'era un "camion di fabbricazione russa con cabina più scura del resto". E fu un camion cisterna a portare la morte quel 12 novembre alla base, esplodendo davanti all'ingresso. Solo una settimana prima dell'appuntamento con la morte sempre il Sismi aveva detto che "terroristi siriani e yemeniti" si stavano per trasferire a Nassiriya. Tutti allarmi che inducono la Corte a sottolineare "l'evidente sottovalutazione di un allarme così puntuale e prossimo".

La decisione dei magistrati arriva dopo un lungo iter giudiziario che aveva assolto lo stesso Stano in sede penale. Poi, tutto era ripartito in sede civile. E adesso la conclusione. Con il generale che minimizzava, mentre il responsabile della base, un colonnello dei carabinieri, che al contrario, alla vigilia dell'esplosione, aveva presentato diverse richieste, tutte bocciate: di chiudere le strade al traffico, di sistemare un mezzo corazzato all'ingresso della struttura. E chiese il trasferimento. Si ridusse il traffico a una sola corsia, ma non lo si bloccò, e il camion dell'attentato arrivò prima del mezzo corazzato.

La sentenza mette in chiaro poi molti aspetti che hanno dell'assurdo come le munizioni così vicine all'ingresso, che peggiorarono la situazione e su cui la Corte scrive che "anche un estraneo alle arti militari dovrà rilevare l'irresponsabile assurdità della collocazione così esposta di un deposito di munizioni". O i sacchi di protezione riempiti non di sabbia ma di sassi, che hanno amplificato gli effetti dell'esplosione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali