FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Eʼ morto a Roma Emiliano Liuzzi, giornalista de "il Fatto Quotidiano"

Ucciso da un infarto a 46 anni, il reporter collaborava anche come opinionista a diverse trasmissioni Mediaset, tra cui "Domenica Live"

E' morto a Roma Emiliano Liuzzi, giornalista de "il Fatto Quotidiano"

E' morto a Roma questa notte Emiliano Liuzzi, 46 anni, giornalista de "il Fatto quotidiano", ucciso da un infarto. Si occupava del numero del lunedì del quotidiano, dopo aver seguito la redazione dell'Emilia Romagna. Nel 2006 diresse il Corriere di Livorno, lavorò per "il Tirreno" e la "Nuova Sardegna". Compagno di Lucrezia Lante della Rovere, Liuzzi aveva due figli, e in gioventù aveva conseguito un master in giornalismo alla Columbus University.

Al "Fatto" ha seguito da vicino la nascita e la crescita del Movimento 5 Stelle, di cui è tra i massimi conoscitori. Figlio di Livio Liuzzi, ex condirettore del "Tirreno", dal 2014 collabora anche come opinionista a Domenica Live condotta da Barbara D'Urso e ad altre trasmissioni Mediaset. Tra le sue esperienze giovanili anche dei periodi alla Nuova Sardegna, all'Alto Adige, al Trentino, dove ha seguito diversi casi giudiziari.

Liuzzi era a casa della sua compagna, l'attrice Lucrezia Lante della Rovere, quando si è sentito male, nella notte tra martedì e mercoledì. Già da qualche giorno avvertiva dei malori, per cui si era fatto controllare dai medici. Il personale del 118, subito allertato, non ha potuto fare nulla una volta arrivato nell'attico dell'attrice, dove il giornalista era già morto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali