FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gilet arancioni in piazza a Roma, Pappalardo: "La pandemia è una boiata" 

Bandiere dellʼItalia e slogan contro Mattarella. Il leader della protesta Pappalardo: "Prendo a schiaffi chi vuole mettermi la mascherina"

gilet arancioni bergamo

I gilet arancioni sono scesi in piazza a Roma per manifestare al grido di "libertà", con bandiere dell'Italia e slogan contro il presidente Mattarella. "A quanto pare il coronavirus ha paura di me e non mi attacca. Gli esperti internazionali dicono che questa pandemia è una boiata", ha affermato in piazza del Popolo l'ex generale Antonio Pappalardo, leader della protesta. "Prendo a schiaffi chi vuole mettermi la mascherina", ha aggiunto. 

"Tutti impiegati" - Dal palco improvvisato di piazza del Popolo, l'ex generale Antonio Pappalardo ha attaccato governo e presidente della Repubblica: "Sono tutti impiegati, compreso il capo dello Stato che gira la testa dall'altra parte. E il capo del governo con gravissimi reati e ne deve rispondere con la sua testa". 

 

Poche mascherine e distanziamento sociale - "Siamo qualche centinaio", hanno osservato alcuni partecipanti alla manifestazione, durante la quale si sono viste poche mascherine e quasi mai il rispetto del distanziamento sociale. Il leader Pappalardo ha poi proseguito con i suoi slogan: "Popolo, esci dal guscio, scendi in piazza, ribellati!", ha detto. "Io non conto nulla, è il popolo che comanda e per eleggere un nuovo Parlamento dobbiamo avere una nuova legge elettorale. Bisogna stampare la nostra moneta nazionale, la Lira!", ha aggiunto. 

 

Bergamo "invasa" dai gilet arancioni

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali