FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lanciano, sconti di pena in Appello per i romeni che aggredirono e rapinarono i coniugi Martelli

Moglie e marito si trovavano nella loro villa, quando furono aggrediti per un bottino di esiguo valore

Carlo Martelli lanciano

Sconto complessivo di 7 anni e 4 mesi per i romeni che aggredirono e rapinarono, il 23 settembre 2018, Carlo Martelli e Niva Bazzan, nella loro villa di Lanciano (Chieti). E' quanto ha stabilito la Corte d'Appello dell'Aquila. Marito e moglie erano finiti in ospedale dopo essere legati e pestati con una violenza inaudita. A Niva era stato reciso parte dell'orecchio destro con una roncola di 12 centimetri. Il tutto per un bottino di pochissimo valore.

Le condanne - La Procura generale ha chiesto la piena conferma delle condanne di primo grado inflitte, l'8 ottobre 2018, dal Tribunale di Lanciano, con pene complessive per 65 anni. In Appello, sempre con il rito abbreviato, le pene sono state parzialmente riformate e ora ammontano a 57 anni e 6 mesi di reclusione. Con uno sconto complessivo di 7 anni e 4 mesi.

 

La gang - In particolare, Alexandru Bogdan Colteanu dovrà scontare una condanna di 14 anni. Fu definito "la violenta bestia e carogna" dagli altri componenti della gang e fu lui a recidere parte dell'orecchio della signora Niva. Per Marius Adrian Martin, invece, è stata stabilita una condanna a 11 anni. Aurel Ruset dovrà scontare una pena di 8 anni e 4 mesi. Otto anni per Costantin e Ion Turlica. Bogdan Ghiviziu, palo e autista, dovrà restare in prigione per 7 anni.

 

Le accuse - Per tutti le accuse sono di rapina pluriaggravata, lesioni gravissime, sequestro di persona e porto abusivo di arma. Confermati anche i 10 mesi di reclusione per Gheorghe Jacota, unico libero, accusato di favoreggiamento nella fuga di Ghiviziu.

 

In attesa delle motivazioni - Le difese hanno chiesto assoluzioni e sconti di pena. Adesso si attendono le motivazioni della sentenza e poi si decideranno eventuali ricorsi in Cassazione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali