FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

La Polstrada alla Camera: "Via la patente a chi guida con il cellulare"

In base alla normativa attuale la sospensione cʼè solo in caso di recidiva e "ciò si è mostrato poco efficace in termini di deterrenza"

La Polstrada alla Camera: "Via la patente a chi guida con il cellulare"

Nonostante l'inasprimento delle sanzioni nei confronti di chi guida con il cellulare, lo smartphone resta, secondo la Polstrada, la principale causa di incidenti. Per Santo Puccia, Primo dirigente della Polizia stradale, ascoltato in commissione Trasporti alla Camera, sarebbe quindi necessaria "una modifica normativa che consenta il ritiro della patente alla prima violazione".

In base alla normativa attuale la sospensione della patente c'è solo in caso di recidiva e, ha spiegato Puccia, "ciò si è mostrato poco efficace in termini di deterrenza". La modifica normativa "che pone la possibilità di procedere alla sospensione e quindi contestualmente al ritiro della patente già alla prima violazione - ha sottolineato Puccia - è di grande aiuto dal punto di vista della prevenzione e per educare in maniera più efficace gli utenti della strada".

Incremento delle violazioni - I dati dell'attività di contrasto a questo comportamento, ha proseguito il dirigente della Polizia stradale, "evidenziano un incremento delle violazioni. Purtroppo si tratta di una trasgressione diffusissima e difficile da contrastare. Per questo lo spauracchio del ritiro della patente alla prima violazione può essere efficace. Ormai - ha aggiunto - si trovano a buon mercato auricolari e dispositivi di vivavoce. Ritengo si possa generare un effetto virtuoso come lo abbiamo registrato con il meccanismo della patente a punti".

Guida sotto effetto di stupefacenti - Puccia ha poi invocato un'altra modifica al Codice "per contrastare più efficacemente l'abuso di sostanze stupefacenti", e cioè la "possibilità di perseguire chi è stato trovato positivo, ma non in stato di alterazione alla guida in modo da sottoporlo a verifica da parte delle commissioni competenti". Il numero uno della Polstrada ha inoltre chiesto una modifica per quanto riguarda i mille etilometri in forza agli organi di polizia. "Attualmente - ha ricordato - le visite periodiche per questi strumenti vengano fatte presso due soli centri del ministero dei Trasporti a Roma e Milano che non riescono a smaltire il gran numero di attrezzature da controllare. Accade così che per lunghi periodi le forze di polizia non possono usarli perché fermi in attesa delle visite periodiche".

No alla revoca automatica della patente per omicidio stradale - Intanto arrivano pene più severe per l'omicidio stradale, ma anche maggiori paletti alla revoca della patente, che scatterà solo in caso di ebbrezza o droga. E' la decisione presa dalla Corte costituzionale, che ha dichiarato illegittimo l'articolo del codice della strada che riguarda tale misura. La legge ha passato invece il vaglio di costituzionalità sul divieto di bilanciare aggravanti con attenuanti.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali