FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il manifesto ProVita spacca i social e il Pd romano ne chiede la rimozione

Il maxi poster anti aborto sta dividendo il Consiglio comunale della Capitale e gli utenti di Twitter

Il manifesto ProVita spacca i social e il Pd romano ne chiede la rimozione

"Sei qui perché tua mamma non ti ha abortito". Questo il messaggio di un maxi cartellone da 7 per 11 metri affisso a Roma dall'Associazione ProVita e raffigurante un feto di 11 settimane. Il poster, che copre l'intera facciata di un palazzo nella zona dell'Aurelio, ha suscitato la protesta di tanti utenti dei social network e delle consigliere del Pd al Campidoglio Michela Di Biase, Valeria Baglio, Ilaria Piccolo e Giulia Tempesta e Svetlana Celli della Lista Civica "RomaTornaRoma".

"Un messaggio forte e doloroso sulla pelle delle donne. Il maxi manifesto contro l'interruzione volontaria della gravidanza offende la scelta delle donne di abortire, una scelta, sempre sofferta e dolorosa, garantita dalla legge 194 che a maggio compirà 40 anni - spiegano-.  Si tratta di immagini che offendono la sensibilità anche di tutte le persone che hanno subito la fine di una gravidanza per i motivi più diversi. Difendere la vita con messaggi così crudi e violenti non appartiene alla storia delle donne, né della città. Per questo presenteremo una mozione per chiedere al Campidoglio la rimozione immediata di questi manifesti"

Il manifesto anti aborto contestato dal web

La gigantografia fa parte di una serie di iniziative di Pro Vita in vista del 22 maggio, data nella quale, quarant’anni fa venne legalizzato l’aborto con la legge 194. Come ricorda in una nota la stessa Pro Vita, dal 1978 sono stati più di 6 milioni i feti quelli uccisi dall’aborto.

"È inconcepibile che in un’Italia, dove solo il 38% dei malati di tumore può accedere alle cure palliative e dove circa 200.000 anziani o disabili sono rispediti a casa ogni anno dagli ospedali pubblici, per mancanza di fondi per la sanità, lo Stato spenda centinaia di milioni di euro di fondi pubblici per finanziare scelte individuali che causano l’eliminazione di esseri umani, e che non sono condivise da una grande fetta della popolazione?", questo il commento di Toni Brandi, presidente di ProVita.

"Uno Stato che finge di tutelare la mamma, - prosegue Brandi - ma che non si preoccupa del più debole, il bambino nel grembo materno, è la rappresentazione plateale della legge della giungla". La onlus ha lanciato anche una petizione "affinché il ministero della Salute garantisca che le donne vengano messe a conoscenza delle conseguenze, provocate dall’aborto volontario sulla loro salute fisica e psichica".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali