FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

G8, Strasburgo condanna ancora lʼItalia: "Anche a Bolzaneto ci fu reato di tortura"

La Corte europea dei diritti umani ha sanzionato il Paese per le azioni delle forze dellʼordine e perché lo Stato non ha condotto unʼindagine efficace. A giugno arrivò la sentenza per le violenze nella scuola Diaz

G8, Strasburgo condanna ancora l'Italia: "Anche a Bolzaneto ci fu reato di tortura"

Gli atti commessi dalle forze dell'ordine a Bolzaneto nei giorni del G8 del 2001 sono atti di tortura. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani che ha condannato l'Italia per queste azioni e perché lo Stato non ha condotto un'indagine efficace. I giudici hanno riconosciuto ai ricorrenti il diritto a ricevere tra i 10mila e gli 85mila euro a testa per i danni morali. Strasburgo aveva già condannato l'Italia per le violenze nella scuola Diaz.

La Corte europea per i diritti dell'uomo si è pronunciata sui pestaggi e i maltrattamenti avvenuti nella caserma di Genova Bolzaneto dove vennero condotti i circa 240 fermati durante i disordini del G8 del luglio 2001. I testimoni avevano raccontato di percosse, insulti e violenze fisiche e psicologiche da parte del personale della polizia.

Nuova condanna di Strasburgo - L'Italia è stata nuovamente sanzionata da Strasburgo per i fatti del G8 di Genova. A giugno, la Corte europea dei diritti umani condannò il Paese per gli atti di tortura perpetrati dalle forze dell'ordine nel luglio 2001 nella scuola Diazì. La sentenza sanzionò inoltre l'Italia per non aver punito in modo adeguato i responsabili.

Corte Strasburgo: "Tortura anche in carcere Asti" - Dopo essersi pronunciata sui fatti della caserma di Bolzaneto del G8 di Genova, la Corte europea dei diritti umani ha stabilito che alcune guardie carcerarie di Asti nel 2004 hanno torturato due detenuti, Andrea Cirino e Claudio Renne. Strasburgo ha condannato l'Italia per le azioni delle guardie e perché i responsabili non sono stati puniti a causa della mancanza di leggi adeguate. La Corte ha inoltre stabilito che lo Stato dovrà versare 80mila euro per danni morali ad Andrea Cirino e alla figlia di Claudio Renne, morto in carcere a gennaio.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali