FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Udine, il fidanzato confessa: "Voleva lasciarmi, era troppo disinibita"

"Quando mi ha detto che mi aveva tradito - ha raccontato agli investigatori - ho perso la testa e le ho messo le mani al collo"

"Voleva lasciarmi, era troppo disinibita". Lo ha detto Francesco Mazzega, 34 anni, di Spilimbergo (Pordenone) confessando di aver strangolato la fidanzata, la 21enne Nadia Orlando, che viveva a Dignano (Udine). "Per dileggiarmi mi ha confessato perfino un tradimento. Ho perso la testa e le ho messo le mani al collo, premendo sempre più forte", ha raccontato agli investigatori dopo aver vagato 11 ore col cadavere della giovane in auto.

"Eravamo nel greto del Tagliamento - è la ricostruzione del delitto fatta dal 34enne, come riporta La Stampa -, in una zona disabitata che avevo scelto proprio per parlare indisturbati: sono risalito velocemente con l'auto per dirigermi in ospedale, ma quando ho raggiunto il ponte ho notato che si era sopita. Da quel momento non ho più idee precise perché sono entrato nel tunnel della disperazione. So che sono arrivato a Trieste, ho proseguito ancora per alcuni chilometri, per poi tornare in Italia".

"In cuor mio ho sperato che non fosse realmente accaduto - ha proseguito -: ogni tanto, mentre guidavo, le toccavo il braccio e sembrava caldo. Solo quando mi hanno detto che era morta davvero ho colto l'enormità di quanto avevo fatto". E poi ha concluso: "Mi vergogno troppo di ciò che ho fatto. La mia vita non ha più senso senza Nadia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali