FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, "Andrà tutto bene": l'augurio arriva da tre gemellini nati a Treviso

La scritta "Andrà tutto bene" e un arcobaleno disegnati sulla copertina che li avvolge. L'augurio affinché tutto si risolva nel migliore dei modi, attraverso lo slogan per eccellenza dell'emergenza coronavirus, arriva questa volta da tre gemellini nati all'Unità Operativa di Ostetricia dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso e attualmente ricoverati in Patologia Neonatale. La foto è stata pubblicata sulla pagina Facebook "Ulss 2 Marca trevigiana". "Questi bimbi sono un inno alla vita, al mondo che va avanti pur con le difficoltà che in questo momento drammatico e complesso tutti noi ci troviamo ad affrontare. Cerchiamo, accogliendo l'invito di questi bellissimi bimbi, di guardare avanti e pensare positivo: rispettando tutti le regole ce la faremo a uscire, il più in fretta possibile, da questa tragica pandemia", ha dichiarato Francesco Benazzi, direttore generale dell'Ulss 2.

Coronavirus, "Andrà tutto bene": l'augurio arriva da tre gemellini nati a Treviso

La scritta "Andrà tutto bene" e un arcobaleno disegnati sulla copertina che li avvolge. L'augurio affinché tutto si risolva nel migliore dei modi, attraverso lo slogan per eccellenza dell'emergenza coronavirus, arriva questa volta da tre gemellini nati all'Unità Operativa di Ostetricia dell'ospedale Ca' Foncello di Treviso e attualmente ricoverati in Patologia Neonatale. La foto è stata pubblicata sulla pagina Facebook "Ulss 2 Marca trevigiana". "Questi bimbi sono un inno alla vita, al mondo che va avanti pur con le difficoltà che in questo momento drammatico e complesso tutti noi ci troviamo ad affrontare. Cerchiamo, accogliendo l'invito di questi bellissimi bimbi, di guardare avanti e pensare positivo: rispettando tutti le regole ce la faremo a uscire, il più in fretta possibile, da questa tragica pandemia", ha dichiarato Francesco Benazzi, direttore generale dell'Ulss 2.