FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Firenze, questura nega a poliziotta la divisa alla conferenza degli agenti omosessuali

Al meeting di Parigi parteciperanno poliziotti da tuttʼEuropa in uniforme. Compresi due agenti di Genova e Milano

Firenze, questura nega a poliziotta la divisa alla conferenza degli agenti omosessuali

Sì alla partecipazione alla Conferenza internazionale per i diritti delle persone omosessuali nelle forze dell'ordine, ma senza la divisa addosso "perché non si tratta di un evento istituzionale". Questa la risposta che la poliziotta Michela Pascali si è vista dare dalla questura di Firenze quando ha chiesto di prender parte al convegno indossando l'uniforme. L'incontro, l'ottavo dell'European Lgbt Police Association, unisce le associazioni che in 16 Paesi europei chiedono il riconoscimento dei diritti per gay, lesbiche e transessuali in polizia e forze armate.

La conferenza si terrà a Parigi tra il 27 e il 29 giugno e  vede tra gli organizzatori i ministeri degli Interni e degli Esteri francesi ed è data per certa la presenza del sindaco parigino Anne Hidalgo e del capo della polizia transalpina.

La scelta della location non è casuale, dopo che lo scorso 20 aprile il capo della polizia Xavier Jugelé  (che aveva dichiarato pubblicamente la sua omessualità e si batteva per i diritti di poveri e migranti) aveva perso la vita nell'attentato terroristico sugli Champs-Elysèes. "Soffro ma senza odio, perché quest'odio non ti somiglia", la frase pronunciata dal compagno Etienen Cardille, era stata ripresa da tv e giornali di tutto il mondo.

Ma torniamo in  Italia. Mentre la richiesta della Pascali  (vicepresidente di Polis Aperta, associazione di militari e poliziotti che si battono per i diritti degli omosessuali in divisa)  è stata rifiutata, due colleghi di Milano e Genova hanno avuto risposte opposte. I due agenti, infatti, sono stati autorizzati a partecipare in uniforme dal ministero degli Interni. Dal Viminiale però precisano che "l'autorizzazione non deve essere intesa come delega a rappresentare ufficialmente la Polizia di stato".

"La richiesta della Pascali era identica a quella presentata a Milano e Genova, non capisco perché la risposta è stata diversa" ha dichiarato Gabriele Guglielmo, presidente di Polis Aperta, aggiungendo: "Peraltro la collega fiorentina, come altri, non aveva chiesto di risultare in servizio ed è pronta a coprire di tasca propria tutte le spese di trasferta, nonostante l'evidente natura istituzionale dell'evento. Non a caso la quasi totalità dei colleghi in arrivo da tutta Europa parteciperà in regolare uniforme".

Intanto, Michela Pascali ha chiesto di visionare gli atti per riuscire a capire da quale ufficio il rifiuto sia effettivamente partito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali