FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Figlia invalida al 100% per colpa delle ginecologhe: nessun risarcimento

A “Le Iene” la storia di Benedetta, mamma di Eleonora, che ha perso il lavoro per seguire la bambina e ora rischia lo sfratto

Dopo una condanna alle ginecologhe e all’ospedale a pagare 5 milioni di euro per come è stato gestito il parto di Benedetta, mamma di Eleonora (nata con una invalidità del 100%), nessuno sembra voler pagare. “Le Iene” sono andate dai protagonisti di questa vicenda per fare chiarezza. Fino al momento della nascita, Eleonora era un feto sano. Durante il parto succede qualcosa, le due ginecologhe commettono una serie di errori che hanno danneggiato in maniera irreversibile la piccola.

Dopo 10 anni di lotte in tribunale un giudice ha condannato i due medici e l’ospedale in cui Benedetta ha partorito. Ad oggi non solo nessuno ha pagato, ma sembra che non ci sia alcuna intenzione di farlo. Le difficoltà economiche della famiglia sono evidenti: i due genitori hanno perso il lavoro per stare dietro alle esigenze della piccola Eleonora e le sue cure sono estremamente costose. “Questa bambina l’abbiamo voluta tantissimo”, racconta la madre. “Quando andai in ospedale per il parto, 10 anni fa, mi dissero che stava andando tutto bene e che i dolori erano dovuti al travaglio”. I genitori di Eleonora ora rischiano di essere sfrattati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali