FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

A rischio il "black friday" italiano di Amazon: sciopero nel centro di Piacenza

I circa 4mila lavoratori chiedono ritmi di lavoro meno stressanti e paghe più alte

A rischio il "black friday" italiano di Amazon: sciopero nel centro di Piacenza

In occasione del "black friday", il giorno dedicato ai saldi, è stato indetto uno sciopero nel centro Amazon di Piacenza, dove lavorano circa 4mila persone. La mobilitazione, prevista per venerdì 24 novembre, è stata decisa da Cgil, Cisl, Uil e Ugl. I dipendenti chiedono un migliore trattamento economico. Lo sciopero comincerà con il turno mattutino di venerdì e terminerà con l'inizio del primo turno di sabato.

"Non c'è stata da parte di Amazon Italia - spiegano i sindacati - alcuna apertura concreta all'aumento delle retribuzioni o della contrattazione del premio aziendale, considerando anche la crescita enorme di questi anni".

I ritmi lavorativi "non conoscono discontinuità, le produttività richieste sono altissime e il sacrificio richiesto non trova incremento retributivo oltre i minimi contrattuali", aggiungono i rappresentanti dei lavoratori, spiegando che nel centro di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, lavorano 2mila impiegati con contratto a tempo indeterminato e altri 2mila con contratti di somministrazione per il picco di Natale (da ottobre a dicembre).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali