FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Don Michele Barone, parla una delle vittime: "Mi costrinse a un rapporto orale"

Alle Iene la seconda parte del servizio sul sacerdote della diocesi di Aversa arrestato con l’accusa di abusi sessuali e maltrattamenti

"Dentro la sacrestia mi costrinse a un rapporto orale completo. Ma non fu l'unica volta, successe altre tre volte". Questa la testimonianza alle Iene di una delle vittime di don Michele Barone, il sacerdote della diocesi di Aversa arrestato nei giorni scorsi con l'accusa di abusi sessuali aggravata e maltrattamenti. A far scattare l’allarme attorno al prete, poi arrestato, è stato un servizio della trasmissione di Italia Uno che nelle scorse settimane si è occupata del caso. L’accusa nei confronti di don Michele è quella di aver generato nelle giovani donne, la maggior parte delle quali minorenni, la convinzione di essere possedute dal demonio così da soggiogarle a suo piacimento. Nella seconda parte del servizio di Gaetano Pecoraro nuove testimonianze metterebbero in luce un altro aspetto del prete, che per mantenere il controllo sulle proprie vittime e farle restare all’interno della setta avrebbe sempre usato metodi mafiosi come minacce, intimidazioni ed estorsioni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali