FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Don Biancalani, il prete dei "migranti in piscina": "Non si lasciano in mezzo al mare persone che rischiano la vita"

A "Stasera Italia", il parroco stigmatizza le iniziative di Matteo Salvini

"C’è troppa faziosità, eccessiva durezza e cattiveria. Non siamo di fronte a un’invasione". Esordisce così Don Massimo Biancalani, il sacerdote di Pistoia che ha accolto alcuni immigrati nella sua parrocchia, balzato all’onore delle cronache nazionali la scorsa estate, quando Salvini lo aveva criticato per aver postato le foto dei suoi ospiti migranti in piscina.

Intervistato da "Stasera Italia", il sacerdote ha stigmatizzato le iniziative del neo ministro dell’Interno Matteo Salvini, a partire dalla vicenda Aquarius: "Non si lasciano in mezzo al mare per giorni persone che rischiano la vita". E per quanto riguarda l’eventuale censimento dei rom, ha commentato: "Ancora una volta l’ingiustizia. Cosa vogliamo fare? Vogliamo deportare i rom che non sono cittadini italiani? Dove li mandiamo? Ma stiamo scherzando?". E conclude: "Salvini tenta spesso di usare la religione, è una strumentalizzazione bella e buona".

E proprio nelle scorse ore, don Biancalani è tornato a far parlare di sé per via di una post pubblicato su Facebook: un fotomontaggio in cui i compaiono i membri del governo su un gommone, con la scritta "I have a dream".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali