FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, cosa cambia nell'Italia tra divieti rossi e arancioni

Unica eccezione la Sardegna, che resta bianca. Ecco cosa si può fare e cosa no nelle differenti zone

L'epidemia di coronavirus corre, spinta dalle varianti, e la nuova impennata della curva impone la stretta. Per questo, da lunedì 15 marzo, l'Italia si tinge di rosso e arancione. Passano in zona rossa Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Veneto e la Provincia autonoma di Trento, che si aggiungono a Campania e Molise. Tutte le altre Regioni saranno arancioni. Unica eccezione la Sardegna, che rimane bianca. Ecco cosa si può fare e cosa no nelle differenti zone.

Coronavirus, lunedì mezza italia torna in zona rossa

Regioni rosse - Nelle Regioni rosse:

 

- Non si può uscire dalla propria abitazione se non per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute. Per gli spostamenti è necessaria l’autocertificazione. 

 

- Sono, inoltre, vietate le visite a parenti e amici: non si possono raggiungere abitazioni private, nemmeno una volta al giorno, se non per recarsi da persone non autosufficienti che hanno bisogno di aiuto o assistenza.

 

 

- Il divieto di visita cade dal 3 al 5 aprile: a Pasqua sarà possibile spostarsi all'interno della propria regione verso una sola abitazione privata, una volta al giorno e in massimo due persone.

 

- Si può sempre fare rientro presso la propria residenza o domicilio.

 

- Si può fare rientro nelle seconde case di proprietà o in affitto lungo da prima del 15 gennaio. Alcune regioni (come la Lombardia) lo hanno però vietato. 

 

- Bar e ristoranti sono chiusi (ma sì a asporto e consegna a domicilio) così come parrucchieri, barbieri e centri estetici e i negozi, ad eccezione di ipermercati, supermercati, discount, edicole, tabaccai, librerie, farmacie e parafarmacie, negozi di computer, elettronica, elettrodomestici, ferramenta, pompe di benzina, negozi di biancheria e di giocattoli, vivai.

 

- Chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado, anche quelle dell'infanzia. Le lezioni sono in Dad, tranne per i ragazzi con disabilità.

 

 

- E' possibile fare attività motoria, quindi una passeggiata, in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo della mascherina. Mentre l'attività sportiva è consentita all'interno del proprio comune, ma sempre da soli e all'aperto mantenendo una distanza di due metri dalle altre persone.

 

 

Regioni arancioni - Nelle Regioni arancioni:

 

- Ci si può spostare liberamente all'interno del proprio comune (ma non durante il coprifuoco dalle 22 alle 5 di mattina). Ci si può recare fuori dal proprio comune - con autocertificazione - per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di salute.

 

- Nel proprio comune, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata, una volta al giorno, dalle 5 e le 22 (in massimo due persone).

 

- Si può fare rientro nelle seconde case di proprietà o in affitto, dentro e fuori la Regione.

 

- Per quanto riguarda bar e ristoranti, valgono le stesse regole della zona rossa. Vale a dire, sono chiusi ma con possibilità di asporto e consegna a domicilio. Aperti, invece, i negozi. 

 

- Le scuole elementari e medie sono in presenza, mentre le superiori al 50% fino a un massimo del 75%.

 

- E' possibile svolgere attività sportiva o motoria all'aperto, all’interno del proprio comune, anche in parchi e giardini.

 

 

Sardegna, zona bianca - Nell'unica Regione bianca, la Sardegna:

 

- Gli spostamenti sono liberi.

 

- Il coprifuoco è alle 23.30.

 

- Restano gli obblighi di indossare la mascherina sia all'aperto che al chiuso e del distanziamento di un metro.

 

- Aperti tutti i negozi. Bar e ristoranti sono aperti a pranzo e a cena.

 

- Chiuse discoteche, locali da ballo, fiere e feste.

 

Restrizioni Covid, il bilancio di un anno di controlli: oltre 600mila sanzionati

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali