FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, Cei: dal 14 febbraio torna nella messa il "rito della pace", ma con lo sguardo e l'inchino del capo

Si potrà ribadire che non è possibile darsi la mano e che prendere contatto visivo con il proprio vicino può essere un modo efficace per recuperare un gesto rituale

Coronavirus, parroco dice messa davanti ai selfie dei fedeli

Don Giuseppe Corbari, parroco di Robbiano, a nord di Milano, ha celebrato la messa in diretta radiofonica davanti ai ritratti e ai selfie dei fedeli. Era stato lui stesso a chiedere ai suoi parrocchiani di inviargli le loro foto per riempire la chiesa anche durante l'emergenza coronavirus.

"I vescovi si sono confrontati sul rito della pace nella messa e hanno deciso di 'ripristinare', a partire da domenica 14 febbraio, un gesto con il quale ci si scambia il dono della pace, guardandosi negli occhi e facendo un semplice inchino del capo". Lo rende noto il Consiglio permanente della Cei, precisando che "non appare opportuno nel contesto liturgico sostituire la stretta di mano o l'abbraccio con il toccarsi con i gomiti".

"La pandemia - ha ricordato il Consiglio permanente - ha imposto alcune limitazioni alla prassi celebrativa al fine di assumere le misure precauzionali previste per il contenimento del contagio del virus".

 

Le nuove modalità del rito della pace "Non apparendo opportuno nel contesto liturgico sostituire la stretta di mano o l'abbraccio con il toccarsi con i gomiti, in questo tempo può essere sufficiente e più significativo guardarsi negli occhi e augurarsi il dono della pace, accompagnandolo con un semplice inchino del capo. All'invito 'Scambiatevi il dono della pace', volgere gli occhi per intercettare quelli del vicino e accennare un inchino, secondo i vescovi, può esprimere in modo eloquente, sicuro e sensibile, la ricerca del volto dell'altro, per accogliere e scambiare il dono della pace, fondamento di ogni fraternità. Là dove necessario, si potrà ribadire che non è possibile darsi la mano e che il guardarsi e prendere 'contatto visivo' con il proprio vicino, augurando: 'La pace sia con te', può essere un modo sobrio ed efficace per recuperare un gesto rituale".

 

La nuova messa e il Padre nostro: la "rivoluzione" di Papa Francesco

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali