FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Coldiretti: "Niente mascherina per un italiano su quattro" | Ma in vacanza si rispettano più regole 

Il 27% dei cittadini non indossa il dispositivo. Lʼindagine evidenzia una tendenza ad abbandonare alcune delle "buone pratiche". Capitolo ferie: in molti restano vicino a casa

mascherina mascherine coronavirus generica generiche chirurgica chirurgiche

Più di un italiano su quattro (27%) non indossa la mascherina o lo fa raramente senza curarsi del pericolo di contagio e senza rispettare le misure di sicurezza imposte dalla pandemia. Emerge dall'indagine Coldiretti/Ixe' sull'estate ai tempi del coronavirus che evidenzia una tendenza ad abbandonare alcune delle "buone pratiche" che durante il lockdown e nelle primissime settimane successive erano adottate dalla pressoché totalità del Paese.

Stanchi delle regole - Le "buone pratiche", che tendono a essere dimenticate, vanno dall'utilizzo delle protezioni per il viso al distanziamento di almeno un metro, dal divieto di assembramenti al rispetto di norme igieniche fondamentali a partire da lavaggio delle mani.

 

Chi è in vacanza è più attento - Se una cospicua fetta di cittadini è diventata "allergica" alle mascherine, c'è comunque un 32% di italiani, secondo Coldiretti, che dichiara di usarla spesso, mentre un 44% la indossa sempre, soprattutto in vacanza. Un dato che evidenzia un'attenzione maggiore da parte di chi è in viaggio rispetto a quanto accade normalmente nelle città.

 

In vacanza ma... evitando contatti - Lo testimonia anche il fatto che il 35% dei vacanzieri trascorre l'estate 2020 evitando il più possibile contatti con altre persone e restando da soli o con la propria famiglia, secondo l'indagine Codiretti-Ixe'. A questi si aggiunge un altro 59% che andrà in vacanza con gli amici più stretti e fidati, mentre solo un 8% di "temerari" non rinuncia alle vacanze di gruppo, cercando anche di fare nuove conoscenze.

 

Italia meta preferita - Nell'estate del coronavirus, intanto, l'Italia quest'anno è di gran lunga la destinazione preferita che viene scelta come meta dal 93% rispetto all'86% dello scorso anno. Ma l'emergenza sanitaria ha portato i 34 milioni di italiani in viaggio per vacanze quest'estate - riferisce ancora l'associazione - a ricalibrare le scelte di alloggio rispetto agli anni scorsi, con un crollo di chi sceglie alberghi a favore  di chi utilizza case, di proprietà o meno, per assicurarsi anche in vacanza le stesse condizioni di sicurezza che si ritrovano tra le mura domestiche.

 

Un luogo sicuro? L'agriturismo - Incoraggiante - aggiunge Coldiretti - la situazione per gli agriturismi che, spesso situati in zone isolate in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all'aperto, sono forse i luoghi più sicuri per le ferie estive perché più facile garantire il rispetto delle misure di precauzione per difendersi dal contagio.

 

Meglio vicino a casa - L'altra novità di quest'estate sta anche nel fatto che 1 italiano su 4 (quindi il 25%) ha scelto una destinazione vicino casa, all'interno della propria regione di residenza, nonostante il via libera agli spostamenti su tutto il territorio nazionale e all'estero (con qualche eccezione o restrizione).

 

Dal Giappone arriva "la mascherina intelligente"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali