FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Cinque figli in cinque anni, gravidanze a rischio e aborti spontanei: tutto falso, condannata per truffa all'Inps

La donna produceva documenti medici e certificati di nascita per ricevere contributi previdenziali e per non andare a lavorare. I parti inventati all'Umberto I di Roma, ma nessuna traccia nei registri 

Cinque figli in cinque anni, gravidanze a rischio e aborti spontanei: tutto falso, condannata per truffa all'Inps - foto 1
-afp

Cinque figli in cinque anni, gravidanze a rischio, aborti spontanei.

E, di conseguenza, congedi per maternità, contributi versati, astensioni dal lavoro chieste, certificate, concesse. Peccato che fosse tutta una messa in scena, proprio per intascare soldi non dovuti, architettata da Barbara Ioele, che è stata condannata in primo grado a un anno e otto mesi di carcere per falso e truffa.

Cinque figli in cinque anni, gravidanze a rischio e aborti spontanei: tutto falso, condannata per truffa all'Inps - foto 2
Tgcom24

 

Il "castello di carta" delle false maternità

 Eppure, secondo il racconto di "Repubblica" sull'incredibile caso, tutto era stato studiato nei minimi dettagli: le false gravidanze a rischio e le cinque maternità portate a termine,  una all'anno, tra i 45 e i 50 anni della signora, tra il 2014 e il 2019, con tanto di documenti, timbri e firme di medici che attestavano le cinque nascite, mai avvenute, al Policlinico romano Umberto I. Benedetta, Angelica, Abramo, Letizia, Ismaele: tutti registrati con il cognome di Barbara, Ioele appunto. E, insieme ai "lieti eventi", tanti aborti spontanei. Forse troppi: sia gli aborti, sia le nascite. Tanto che qualcuno si è insospettito, e sono scattati indagini e accertamenti che hanno fatto venir fuori la verità.

 

Documenti e certificati

 Sembrava che tutto fosse in ordine: i bambini venivano registrati con documenti apparentemente regolari, timbri, certificati. E le maternità a rischio erano corredate da carte mediche che attestavano i disturbi della signora, impiegata in una catena di fast food dove non andava mai. I certificati arrivavano regolarmente all'Asl, con la firma di una ginecologa falsificata dalla Ioele, quindi venivano riconosciuti i requisiti richiesti per non lavorare e per ottenere dall'Inps i relativi contributi. 

 

 

Dall'Inps contributi per 111mila euro

 In questi anni la signora ha così ricevuto dalle casse dell'Inps 111mila euro. Adesso però, dopo le indagini sul suo caso effettuate dai carabinieri dell'ispettorato del Lavoro, i giudici hanno dato ragione al pm Carlo Villani, che ha accusato la donna di falso e truffa. Dichiarato colpevole anche il compagno, Davide Pizzinato, che avrebbe aiutato la partner nella truffa: per lui sono stati disposti sette mesi di carcere. 

 

La sentenza di condanna

 I due, si legge nella sentenza, "inducevano in errore prima l'Asl che confermava i requisiti per l'astensione anticipata dal lavoro poi prodotta all'Inps per ottenere emolumenti non dovuti". E' quindi "indiscusso - dicono ancora i giudici -, alla luce della piena confessione del Pizzinato, che abbiano concorso nel delitto di truffa aggravata in danno dell'ente pubblico". 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali