FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Diciotti, Salvini indagato per sequestro di persona aggravato si scaglia contro la magistratura: è bufera

Il ministro dellʼInterno apre in diretta Facebook lʼavviso di garanzia e attacca i giudici: "Io sono stato eletto, loro no". Bonafede: "Salvini non ci faccia tornare alla Seconda Repubblica". Anche Di Maio si smarca

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha ricevuto l'avviso di garanzia con il quale il Tribunale di Palermo gli contesta il reato di sequestro di persona aggravato, correlato alla vicenda dei migranti trattenuti alcuni giorni, ad agosto, sulla nave Diciotti. Il ministro ha aperto in diretta Facebook la busta inviata dalla Procura di Palermo: "Sospetto che qualcuno voglia fermarmi".

"Interrogatemi domani, vengo a piedi a Palermo a spiegare cosa ho fatto, mi costituisco - ha commentato il ministro -. Sui 100 immigrati che io avrei sequestrato, 75 sono spariti. Io ho sequestrato delle persone che sarebbero scappate dalla guerra e che a fronte di accoglienza garantita, vitto, alloggio, pane e salame, doccia, telefono come hanno risposto? Spariti. Vorrei sapere dai Saviano, dai Renzi, dai Gad Lerner, dai Santoro cosa pensano". Salvini ha quindi sottolineato che "se domani in Italia dovesse arrivare un'altra nave di clandestini, in Italia non sbarca".

Scontro con la magistratura - "Qui - ha proseguito il vicepremier - c'è la certificazione che un organo dello Stato indaga un altro organo dello Stato. Con la piccolissima differenza che questo organo dello Stato, pieno di difetti e di limiti, per carità, è stato eletto, altri non sono eletti da nessuno". Parole che hanno subito innescato la reazione dell'Anm, secondo cui siamo davanti a "un chiaro stravolgimento dei principi costituzionali, che assegnano alla magistratura il compito e il dovere di svolgere indagini anche nei confronti di chi è titolare di cariche elettive o istituzionali". Anche il presidente del Csm, Giovanni Legnini, ha espresso "forte preoccupazione" per espressioni "che si pongono in contrasto con il doveroso rispetto delle prerogative che si deve a ciascuno dei poteri dello Stato".

Salvini apre in diretta Facebook lʼavviso di garanzia

Bonafede e Di Maio si smarcano - Dall'attacco di Salvini alla magistratura ha preso le distanze il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. "Rievocare toghe di destra e di sinistra - ha spiegato - fuori dal tempo. Non credo che Salvini abbia nostalgia di quando la Lega governava con Berlusconi. Chi sta scrivendo il cambiamento non può pensare di far ritornare l'Italia nella Seconda Repubblica". Anche il vicepremier Luigi Di Maio si smarca, sottolineando che "sulla Diciotti sapevamo che le decisioni erano decisioni forti, ma noi le rivendichiamo come governo e abbiamo dato il nostro sostegno. Detto questo non si può dare sostegno alle accuse ai magistrati".

Renzi all'attacco: "Salvini sta farneticando" - "Le dichiarazioni del ministro dell'Interno Salvini sono farneticanti. Come al solito mi tira in ballo e cerca di fare la vittima, ma l'idea che chi è stato eletto o siede al governo possa violare tranquillamente la legge è aberrante", ha scritto Matteo Renzi su Facebook aggiungendo che "Salvini butta tutto sulla questione immigrazione per un calcolo politico. Sa che la Lega deve restituire 49 milioni, quindi prova a diventare un martire".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali