FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli, si rinnova il miracolo di San Gennaro: malore per il cardinale Sepe

"La nostra città ha bisogno di tornare a volare potendo contare prima di tutto sui suoi giovani", ha detto lʼarcivescovo durante lʼomelia

Alle 10:06 di mercoledì 19 settembre si è rinnovato ancora una volta il miracolo di San Gennaro, che accade solo tre volte l'anno (il sabato che precede la prima domenica di maggio, il 16 dicembre e il 19 settembre, giorno nel quale cade l'anniversario del martirio). La celebrazione nel Duomo di Napoli è stata officiata dal l'arcivescovo della città, il cardinale Crescenzio Sepe, che ha avuto un malore durante la cerimonia.

Probabilmente a causa del gran caldo, il cardinale Sepe è apparso bianco in volto; le persone che erano vicine a lui lo hanno invitato a lasciare l'altare, ma Sepe ha declinato l'invito. Attorno a lui, sull'altare maggiore, il segretario del cardinale, don Giuseppe Mazzafaro. Il cardinale Sepe a causa del malore non ha potuto portare l'ampolla all'esterno della Cattedrale come avviene ogni nano in occasione del miracolo.

"Napoli ha bisogno di tornare a volare potendo contare prima di tutto sui suoi giovani", ha detto l'arcivescovo di Napoli durante l'omelia. "Dire che sono essi il futuro della città è riduttivo - ha aggiunto -. Ad essi deve appartenere sempre più anche il presente. Napoli non è favola, Napoli non è e non lo sarà mai, Napoli è verità e bellezza. E' la vita di tutti i giorni che ha bisogno di cambiare ritmo e direzione. Neppure il più grandioso dei monumenti che fanno bella e ricca Napoli può illuminare e far splendere la città come riesce a farlo la speranza dei giovani, se sostenuta, protetta e accompagnata dalla famiglia, dalla scuola, dalla Chiesa, dalle istituzioni".

Secondo la tradizione, il grumo del sangue - raccolto subito dopo il suo martirio (305 d.C.) da Eusebia - si sarebbe sciolto per la prima volta ai tempi di Costantino I, quando il vescovo trasferì le spoglie del santo dall'Agro Marciano, dove era stato sepolto, a Napoli. Durante il tragitto avrebbe incontrato Eusebia, che portava con sé le ampolline del sangue: in quel momento il contenuto dei piccoli recipienti si sarebbe sciolto. Come ogni volta, per le strade di Napoli e fuori dal Duomo i fedeli hanno esultato dopo la comunicazione del cardinale. La Chiesa, che resta ancora in un limbo sul punto, non ha mai definito ufficialmente l’evento come un miracolo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali