FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Napoli: sette coppie rifiutano bimba down, il Tribunale la affida a single

La decisione dei giudici dopo che diverse famiglie si erano tirate indietro quando erano venute a conoscenza della condizione della piccola

Ha trovato una famiglia la neonata partorita in un ospedale partenopeo e abbandonata dalla madre perché affetta da sindrome di down. A far discutere è però, l'iter e la conclusione dell'affido. Il Tribunale dei Minori ha interpellato ben sette delle coppie in lista di attesa per una adozione, ma tutte si sono tirate indietro quando hanno appreso della condizione della piccola. A quel punto i giudici napoletani hanno assegnato la bimba a un papà single, che in teoria non sarebbe idoneo, in quanto non coniugato, al processo che porta all'adozione.

Tuttavia l'istanza dell'uomo è stata accolta perché la legge 184 del 1983 consente in rari casi ai cittadini non coniugati di diventare genitori adottivi proprio quando siano coinvolti bambini disabili.

A questo punto inizia il periodo di prova per l'aspirante papà, il cosiddetto pre-affidamento, al termine del quale i giudici decideranno se rendere definitivo l’inserimento della bambina nella nuova famiglia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali