FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Faida San Luca, il boss della ʼndrangheta Pelle in fuga: doveva scontare la condanna

"Ciccio Pakistan" si è reso irreperibile dopo la conferma della condanna in Cassazione quale mandante della strage di Natale 2006

Ambienti investigativi confermano la scomparsa del boss della 'ndrangheta Francesco Pelle, detto "Ciccio Pakistan". Il boss si è reso irreperibile dopo la conferma della condanna in Cassazione quale mandante della strage di Natale del 24 dicembre 2006: in quell'occasione, che all'interno della faida di San Luca determinò poi la strage di Ferragosto a Duisburg con 6 morti, fu uccisa la moglie del capoclan avversario Giovanni Luca Nirta.

Pelle, che è sulla sedia a rotelle dopo essere stato ferito in un agguato il 31 luglio del 2006 ad Africo, era sottoposto all'obbligo di dimora a Milano. Dopo il rigetto del suo ricorso - come ha riferito il giornalista Klaus Davi e hanno confermato gli investigatori - si è reso irreperibile prima di finire in carcere. L'allontanamento risale ad una quindicina di giorni fa.

Pelle era stato arrestato dai carabinieri nel settembre 2008 in una clinica di Pavia dopo un anno circa di latitanza. Nell'agguato di Natale 2006, la vittima predestinata era Gianluca Nirta, ma sotto i colpi dei sicari morì la moglie ed altre quattro persone, tra le quali un bambino, rimasero ferite. Fu quell'episodio, secondo l'accusa, a scatenare la reazione di Giovanni Strangio, cugino di Maria, condannato all'ergastolo in quanto ritenuto ideatore e uno degli esecutori della strage di Duisburg.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali