FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cosenza, "caporale" obbligava immigrati a dormire in stalle e porcili: 49 i denunciati

A capo dellʼorganizzazione che sfruttava gli operai cʼera un pakistano

Li costringevano a dormire in stalle e porcili, in condizioni igieniche degradanti, e a lavorare senza alcuna protezione, pagandoli una miseria. Per questa ragione 49 persone sono state denunciate dalla guardia di finanza di Montegiordano (Cosenza), che durante complesse indagini ha portato alla luce un sistema di caporalato che sfruttava immigrati.

I porcili usati come hotel per gli operai sfruttati

L'inchiesta è stata condotta da febbraio 2015 a maggio del 2016 e ha permesso di identificare un uomo pakistano ritenuto vero e proprio punto di riferimento, nella piana di Sibari, per quegli imprenditori agricoli che necessitano di manodopera illegale e a basso costo.

Il "caporale" intratteneva rapporti con due persone affiliate a una 'ndrina locale, con 19 immigrati irregolari e un latitante. Una volta reclutati, i lavoratori venivano alloggiati in stalle e porcili, adibiti a dormitori; i loro documenti di identità venivano consegnati al "caporale" che li chiudeva a chiave in armadi di metallo. Nessuno, tranne lui, poteva aprirli. Agli operai non veniva consegnata alcuna attrezzatura adeguata, nemmeno guanti o visiere protettive e la paga era irrisoria.

Il pakistano secondo l'accusa è riuscito a guadagnare sulla pelle degli operai circa 250.000 euro in poco più di un anno, in parte destinati anche alle cosiddette "bacinelle" delle organizzazioni criminali. La rimanente parte dei guadagni dell'attività di intermediazione veniva trasferita in Pakistan attraverso servizi di money transfer.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali