FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Boss della 'ndrangheta scarcerato due volte in due mesi: la Procura di Bologna fa ricorso in Cassazione

Nei mesi scorsi lʼergastolo era stato sostituito con 30 anni di carcere. Ad agosto era stato liberato e arrestato, in meno di 24 ore, per un diverso conteggio della pena. Ora un gip lo ha scarcerato di nuovo

Per la seconda volta in 2 mesi il boss della 'ndrangheta Domenico Paviglianiti viene scarcerato per fine pena. Catturato in Spagna nel '96, nei mesi scorsi l'ergastolo era stato sostituito con 30 anni e ad agosto era stato liberato e, in meno di 24 ore, arrestato su ordine della Procura di Bologna, per diverso conteggio della pena. Ora il 18 ottobre un gip ha accolto un'istanza della difesa disponendo la scarcerazione. Ma i pm hanno fatto ricorso.

Paviglianiti, uno dei pezzi da novanta dei clan di Reggio Calabria - Paviglianiti, 58 anni, pluriomicida e 168 anni di somma aritmetica tra le sentenze di condanna, era considerato uno dei pezzi da novanta dei clan che da Reggio Calabria avevano esteso le loro mire in Lombardia e nel Nord-Ovest.

 

Al centro di una complessa questione procedurale - Da tempo è al centro di una complessa questione procedurale per decidere quanto debba scontare in carcere, una vicenda che lo ha portato a uscire una prima volta dal penitenziario di Novara a inizio agosto, ed essere subito ripreso dai carabinieri quando ancora si trovava nella città piemontese.

 

La tesi della difesa - I suoi difensori, gli avvocati Mirna Raschi e Marina Silvia Mori, avevano rilevato come a febbraio 2019, dopo 23 anni, tra indulto, liberazione anticipata, era già scontata tutta la pena, nel frattempo commutata in 30 anni da un Gip di Bologna, Gianluca Petragnani Gelosi, a cui la Cassazione aveva affidato la competenza perché proprio a Bologna era stata pronunciata l'ultima sentenza passata in giudicato.

 

La differente tesi della Procura di Bologna - Ad agosto, dopo la scarcerazione da Novara, La Procura bolognese, però, aveva acquisito nuova documentazione e ritenendo che una delle sentenze, una condanna a 17 anni per associazione mafiosa, nel 2005, si riferisse a fatti avvenuti dopo l'estradizione dalla Spagna, avvenuta nel 1998, aveva fissato il fine pena nel 2027, ordinando subito il nuovo arresto di Paviglianiti.

 

Il ricorso degli avvocati di Paviglianiti - La difesa ha fatto quindi un nuovo ricorso e un altro gip, Domenico Truppa, lo ha accolto, considerando la sentenza del 2005 già valutata nei conteggi precedenti.

 

Il ricorso della Procura - Ma secondo la Procura di Bologna questa valutazione è errata. Nel ricorso per Cassazione firmato dal procuratore aggiunto Lucia Russo e dal pm Michele Martorelli si sottolinea come si sia appreso e documentato "inequivocabilmente" che una delle condanne citate dall'Autorità giudiziaria di Reggio Calabria nel provvedimento di cumulo del 2012 riguardasse "fatti consumati in epoca successiva all'avvenuta estradizione e addirittura mentre il detenuto si trovava in carcere".

 

Si rende dunque necessario rideterminare la pena residua da scontare, adottando un criterio di calcolo diverso da quello del pm reggino. Inibire questa facoltà, secondo il ricorso, "costituisce scelta sorprendente" e in conflitto "con i principi e le norme in tema di esecuzione delle pene detentive".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali