FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Boom segnalazioni consumo di droghe, +40% in 2 anni

Eʼ quanto rivela il nono Libro Bianco sulle droghe. Tossicodipendente un quarto della popolazione carceraria

Crescono in modo esponenziale le persone segnalate per consumo di droghe: da 27.718 del 2015 a 38.613 del 2017, ovvero +39% in soli due anni. E in questo quadro, si trova anche un'impennata delle segnalazioni che riguardano minori, che quadruplicano rispetto al 2015. Sono i numeri denunciati dal nono Libro Bianco sulle droghe, in occasione della Giornata internazionale contro il narcotraffico.

Un terzo dei detenuti in carcere per droga - Secondo il report, promosso dalla Società della Ragione Onlus, a causa della droga entra in carcere il 30% dei detenuti, ovvero 14.139 dei 48.144 ingressi in cella nel 2017. Ma si tratta per lo più di "pesci piccoli", "mentre i consorzi criminali restano fuori dai radar della repressione penale".

Un quarto della popolazione carceraria è tossicodipendente - Dai dati raccolti emerge inoltre che un quarto della popolazione detenuta è tossicodipendente. Hanno infatti un rapporto "problematico" con sostanze stupefacenti 14.706 dei 57.608 detenuti presenti in carcere al 31 dicembre 2017, pari al 25%. "L'attuale legge sulle droghe si conferma il volano delle politiche repressive e carcerarie. Secondo le nostre simulazioni, senza detenuti per art. 73, ovvero imputati per detenzione ai fini di spaccio, non si avrebbe l'attuale sovraffollamento" spiega Marco Perduca, coordinatore della Campagna Legalizziamo.it dell'Associazione Coscioni.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali