FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bill Gates chiama il premier Conte: cooperazione nella lotta al coronavirus

Lʼimprenditore e filantropo statunitense. "ha riconosciuto lʼimpegno dellʼItalia al contrasto alle pandemie e al sostegno della ricerca scientifica finalizzata ai vaccini" e verrà presto in Italia

bill gates

Il premier Giuseppe Conte ha ricevuto una telefonata da Bill Gates. Al centro del colloquio, informa Palazzo Chigi, la promozione della cooperazione globale nella lotta al coronavirus, a partire dalla "Pledging Conference" del 4 maggio promossa dalla Commissione Europea. Nel corso della telefonata, "Gates ha riconosciuto l'impegno dell'Italia al contrasto alle pandemie e al sostegno della ricerca scientifica finalizzata ai vaccini".

In particolare, il Presidente Conte ha ribadito "l'intenzione italiana di tenere bene in evidenza queste tematiche nell'agenda del G20 del 2021, di cui il nostro Paese assicurerà la Presidenza, elemento questo fortemente sostenuto da Bill Gates anche nella prospettiva di fornire adeguata tutela a quei Paesi in via di sviluppo che dovessero risultare colpiti dalla pandemia e meno attrezzati a farvi fronte". Il Presidente Conte e Bill Gates "si sono congedati impegnando a tenersi in stretto contatto nel corso delle prossime settimane. Il Presidente del Consiglio ha invitato Bill Gates a Roma non appena le condizioni lo consentiranno".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali