FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Belluno, caccia a Erostrato, i cittadini: “Siamo stanchi di queste bravate”

A Pomeriggio Cinque parlano gli abitanti di Cesiomaggiore contro il mitomane che minaccia i bambini

Tutti contro Erostrato: i cittadini di Cesiomaggiore non reggono più le bravate del mitomane e le sue continue bravate, l’ultima pericolosa trovata di questo maniaco è stata lasciare un pacco di caramelle nell’asilo comunale all’interno del quale ha nascosto degli spilli. A Pomeriggio Cinque parla una nonna del paese: “Vorrei che i bambini rimanessero fuori da queste storie qui, sono una nonna e non è giusto che siano loro a patire”, dice Rita ai microfoni di Barbara D’Urso. Tra i cittadini che si ribellano a questo clima di terrore c’è anche Ivo il sacrestano del paese: “Questo tipo ha minacciato il parroco e minaccia di dare fuoco alla chiesa, noi non ne vogliamo sentire di questa statua che lui vuole. Le statue si fanno da morti non da vivi”. Anche il parroco di Cesiomaggiore commenta la situazione: “Potrebbe essere benissimo uno di noi, ma non riusciamo a farci un’idea precisa di chi possa essere. È difficile identificare una persona del genere anche se siamo una piccola comunità. Questa persona ha qualche problema piuttosto consistente, siamo preoccupati, ma non è detto che sia una sola persona potrebbero essere più mitomani”, ha sottolineato il sacerdote.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali