FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bagni ko sulla Milano-Verona: i treni fanno il pipì-stop a richiesta

I servizi sono impraticabili e Trenord fa soste straordinarie. Ma si accumulano ritardi e rabbia.

"Se ha bisogno, fermo il treno alla prima stazione e la faccio andare in toilette. Abbiamo l'autorizzazione di Trenord". E' così che, nella civilissima Lombardia, sulla tratta Verona-Milano, il capotreno risolve il problema-pipì dei pendolari. Secondo quanto scrive il quotidiano Libero "i bagni sono chiusi fin dalla partenza" perché impraticabili. Tra i pendolari, seccati per il disagio e il ritardo accumulato, si parla di prassi ribattezzata ironicamente la "pipì-stop".

Se per certi aspetti fa sorridere il fatto che si fermi un treno per i "bisognini" dei pendolari, per altri questo "gesto di cortesia" che accumula decine di minuti di ritardo sull'intera linea, fa imbestialire i passeggeri.

E' così che, comme d'habitude, il treno regionale 2058 che parte all'alba da Verona, è costretto a sostare dopo 10 minuti a Peschiera del Garda, per "far andare in bagno" i passeggeri che lo richiedono. Non solo: "Dopo la pausa pipì a cui ormai abbiamo fatto l'abitudine, successivamente a Rezzato, ulteriore sosta per cambiare binario per "motivi tecnici". La nostra situazione è ormai oltre al limite", commentano a Libero i passeggeri.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali