FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Allarme scuola, 85mila cattedre vacanti per l'anno scolastico 2020-2021
 

"Non si può procedere solo per concorsi come negli ultimi 4 anni, ma serve una procedura di reclutamento e stabilizzazione", dice la Cisl

Sono 85.150 le cattedre vacanti per l'anno scolastico 2020-2021. Un record negativo visto che l'anno precedente erano 64.149. "Dovremo cercare supplenti soprattutto al Nord, nelle zone più colpite dal coronavirus", dice Maddalena Gissi, segretaria della Cisl scuola. "Non si può procedere solo per concorsi come negli ultimi 4 anni, ma serve una procedura di reclutamento e stabilizzazione", aggiunge.

Questi numeri sono sono l'effetto, da parte del ministero, di "questi ultimi 4 anni perché le procedure assunzionali non hanno garantito la stabilizzazione di personale precario già in servizio da anni. Difatti anche per le assunzioni su quota 100 l'assenza di candidati a pieno titolo nelle graduatorie ad esaurimento e da concorso ha reso impossibile la copertura di tutti i 4.500 posti autorizzati dal Mef riducendo di più di mille unità le assunzioni programmate".

 

Per Gissi dunque "la scuola, come avviene per il pubblico impiego, deve individuare delle formule di reclutamento che tengano conto dei futuri concorsi ma anche delle decine di migliaia di domande di pensione, evitando di lasciare a centinaia di migliaia di supplenti la gestione dell'attivita' didattica ordinaria".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali