FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alghero, cieco cacciato da un liceo: non può entrare con il cane

Il vicepreside si difende: "poteva creare allergie per i ragazzi", ma Gabriele Pittalis non ritira le accuse: "Pasta ha un tesserino sanitario, può andare ovunque"

"Impedirmi di stare in un luogo pubblico col cane è come rubare la stampella a una persona senza una gamba. Chi avrebbe il coraggio di farlo?". A quanto pare il vicepreside del liceo scientifico di Alghero l’ha avuto.
Gabriele Pittalis, 34enne e cieco, era a scuola per chiedere informazioni su un corso di informatica, ma è stato costretto a uscire. Il professore si difende: "Ho solo detto di spostarsi dall'androne, non sono un insensibile".

La discussione e le urlaQuello che è successo lo racconta alla Stampa Franco Santoro, anche lui cieco e centralinista al liceo. Stava parlando con Gabriele, al quale stava dando informazioni riguardo a un corso d'informatica per disabili che la scuola doveva attivare. A un certo punto, riporta Santoro, il vicepreside, Pietro Sanna, ha iniziato a urlare: "Sembrava una furia. Ci ha imposto di portare il cane immediatamente fuori". Il regolamento comunale di Alghero, è vero, vieta di introdurre animali domestici nelle strutture scolastiche, ma per un cieco il cane guida è un'estensione del proprio corpo e per lui non valgono le stesse regole. "Il mio cane si chiama Pasta", spiega Gabriele, "è la mia guida per tutti gli spostamenti. I suoi occhi sono i miei, in tutto quello che faccio posso fidarmi solo di lei".

La difesa del vicepresideSecondo il professore, il pericolo era quello delle allergie che i peli del cane potevano provocare ai ragazzi. Ma Gabriele specifica: "Pasta è sottoposta a continui controlli ed è dotata di un tesserino sanitario. Può entrare ovunque, tranne che in quella scuola. Chi fa del male al mio labrador è come se lo facesse a me, anzi è persino più grave". Il sindaco della città ha dato la propria solidarietà al 34enne, mentre il vicepreside non ci sta a passare per il colpevole di quest'atto discriminatorio e spiega di aver solo chiesto all'uomo di spostarsi dall'androne, dove passano i ragazzi. Pittalis però non è d'accordo: "Gli insegnanti, e ancor di più il vicepreside, dovrebbero lanciare messaggi educativi ai ragazzi. Invece è stata scritta una brutta pagina di intolleranza".

Il caso non è chiusoFranco Santoro, il centralinista, non solo è amico di Gabriele, ma è anche presidente della sezione di Sassari dell'Unione italiana ciechi. Per lui, l'episodio è stato inaccettabile e così ha già inviato lettere al Provveditorato degli studi, al ministro dell'Istruzione e alla Regione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali