FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Agenzia Spaziale italiana, indagine della Gdf: 13 indagati per corruzione

Tra loro anche lʼex presidente Enrico Saggese. Tra i reati contestati abuso dʼufficio ed emissione di fatture per operazioni inesistenti

Agenzia Spaziale italiana, indagine della Gdf: 13 indagati per corruzione

La guardia di finanza ha chiuso le indagini nei confronti di ex funzionari dell'Agenzia Spaziale italiana e di imprenditori. I militari hanno notificato complessivamente 13 avvisi di conclusione indagini nei confronti di altrettanti soggetti accusati, a vario titolo, di corruzione, abuso d'ufficio, emissione e utilizzo di fatture false, occultamento o distruzione di fatture contabili.

Le indagini avevano già portato all'arresto, nel 2014, dell'allora presidente dell'Asi Enrico Saggese, di due funzionari (fratello e sorella) e di un imprenditore coinvolti in gravi vicende di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio.

Fatture false per oltre 1,5 milioni - Secondo gli inquirenti, gli imprenditori che si sono prestati al sistema corruttivo, mascherato attraverso un giro di fatturazioni fittizie di oltre 1,5 milioni di euro, lucravano sulla sovrafatturazione delle prestazioni rese all'Agenzia spaziale italiana. Gli indagati si erano inoltre organizzati per creare i "fondi neri" da utilizzare per corrispondere le tangenti ai funzionari coinvolti nell'inchiesta.

Appalti truccati - Secondo l'ipotesi accusatoria l'ex presidente dell'Asi, una sua diretta collaboratrice e il fratello di quest'ultima condizionavano, in favore di un ristretto numero di imprese, l'aggiudicazione di gare d'appalto. Nel mirino anche affidamenti diretti per l'organizzazione di eventi e viaggi istituzionali finalizzati alla diffusione della "cultura spaziale", offerti in cambio di tangenti per un valore complessivo di oltre 500mila euro sotto forma di regali (vacanze, biglietti aerei, ristrutturazioni edilizie, orologi di valore, televisori, aspirapolveri) e denaro.

Il tutto tramite fatture false, emesse da una società i cui soci erano i genitori dei due funzionari tratti in arresto, nei confronti delle imprese che organizzavano gli eventi e i viaggi in oggetto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali