FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio della pittrice Renata Rapposelli, condannati in primo grado figlio ed ex marito

A Simone Santoleri 27 anni per omicidio e soppressione del cadavere mentre al padre Giuseppe, 24 anni. L'accusa aveva chiesto l'ergastolo per il primo e 24 anni per il secondo

Dopo una camera di consiglio di circa tre ore la Corte di Assise di Teramo ha condannato a 27 anni di carcere (24 per omicidio e 3 per occultamento di cadavere) Simone Santoleri e a 24 anni (di cui 21 per omicidio e 3 per occultamento di cadavere) il padre Giuseppe. La Corte li ha dunque ritenuti responsabili, in primo grado, dell'omicidio della pittrice teatina Renata Rapposelli (ex moglie di Giuseppe e madre di Simone). Il pm Enrica Medori aveva chiesto la condanna all'ergastolo per Simone e a 24 anni per Giuseppe, entrambi accusati di omicidio volontario e soppressione di cadavere.

Secondo l'accusa i due imputati avrebbero ucciso la donna, arrivata a Giulianova (Teramo) proprio per incontrare l'ex marito e il figlio, il 9 ottobre 2017, al termine di un'accesa discussione per questioni economiche.

 

A denunciare la scomparsa di Renata Rapposelli erano stati alcuni amici della donna, con il cadavere ritrovato diversi giorni dopo in una scarpata vicino al fiume Chienti, nelle Marche.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali